Nicolas Maupas è stato ospite al Giffoni Film Festival: “Fin da piccolo ho voluto fare questo lavoro perché il cinema è stato il mio primo amico”

Nicolas Maupas, giovane attore protagonista di serie tv di successo come “Mare Fuori” e “Un Professore”, è stato ospite al Giffoni Film Festival nell’ambito di un incontro powered by Comix con gli Elements+10 nella sala Sordi, partendo dal tema della kermesse: “Sono stato più volte invisibile nella mia vita e ho avvertito la solitudine sulla mia pelle. Non sempre è una condizione negativa, perché ti aiuta a riflettere su te stesso, se però perdura oltre il dovuto può portare un grande dolore. Non credo però che voi siete invisibili. Vedo tanti occhi che brillano e fanno brillare anche i miei”.

L’attore ha poi affrontato una tematica purtroppo sempre attuale, il bullismo: “E’ capitato anche a me, ai tempi della scuola, di avere intorno persone cattive. Ricordo bene quel disagio emotivo perché mi faceva sentire impotente e privo di forze. La mia fortuna è stata avere al mio fianco degli amici che mi hanno supportato. Il bullismo nasconde tante verità. Ed il primo a dover essere ascoltato è proprio il bullo”.

Riguardo i prossimi progetti Maupas ha annunciato che sta girando la terza stagione di “Mare Fuori” e che ci sarà anche la seconda serie di “Un professore”: “Sono felicissimo di essere di nuovo a contatto con la mia seconda casa e la mia seconda famiglia. C’è tanto di me in Filippo per certi aspetti, per altri c’è poco, ho attinto molto dal mio percorso di crescita personale e cerco sempre di immedesimarmi il più possibile nel personaggio. Ci sono momenti in cui vorrei essere esattamente come lui. La scena più emozionante e più dolorosa da girare è stata quando in bagno Filippo dice a Carmine che vorrebbe tornare nella pancia di mamma dove tutto era più sicuro. Per quanto riguarda Un Professore lavorare al fianco di Alessandro è stato straordinario e sentirlo parlare del papà Vittorio o di Ettore Scola è stato un enorme privilegio. Fin da piccolo ho voluto fare questo lavoro perché il cinema è stato il mio primo amico. La mia famiglia ha creduto in me e mi hanno messo nella condizione di essere libero di scegliere”.

credit foto Giffoni Film Festival

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...