Tremezzina Music Festival – Dall’8 all’11 agosto cinque concerti di musica dal mondo sul Lago di Como

Dopo il successo dell’edizione 2021 realizzata in collaborazione con lo storico Lacmus Festival, Musicamorfosi rilancia la direzione artistica e organizzativa del Tremezzina Music Festival con uno speciale programma di cinque appuntamenti di musica dal vivo al Parco Teresio Olivelli e sul sagrato della Chiesa della Madonna Nera di Rogaro, di Tremezzina, sul Lago di Como.

Inserita nel ricco programma di eventi musicali di Suoni Mobili, il festival itinerante dell’Associazione che porta musica live internazionale in cinque provincie tra Lombardia e Piemonte fino al 15 agosto, la nuova edizione del Tremezzina Music Festival è realizzata grazie al patrocinio del Consiglio Regione Lombardia e al Comune di Tremezzina, riconfermandosi un importante riferimento estivo per la musica dal vivo del territorio portando, grazie un’intensa attività di ricerca e scouting artistico, le performance di musicisti di caratura internazionale, presentando un focus specifico sui giovani talenti: quest’anno italiani e elvetici grazie alla collaborazione con ProHelvetia.

L’edizione 2022 si svolgerà in due venue d’eccezione: sul sagrato della storica Chiesa della Madonna Nera di Rogaro risalente al XVIII secolo e allo storico Parco Teresio Olivelli, situato in riva alla sponda occidentale del lago di Como. Entrambe le venue offriranno una vista unica sul Lago di Como. Il palcoscenico sarà a fior d’acqua nel cuore verde del Parco, vero e proprio gioiello botanico e architettonico. A rendere unico il patrimonio del Parco, le realizzazioni architettoniche dello storico architetto razionalista Pietro Lingeri al quale, nel 1925, fu commissionato di riprogettare il parco dalla famiglia Meier: l’imponente doppia scalinata che avvolge la fontana centrale, abbracciando idealmente anche l’area concerti; la tarocchiera settecentesca, tempietto ottagonale di piacevole essenzialità estetica; la progettualità botanica dello stesso parco, che include alberi di straordinaria bellezza e armonia compositiva tra cui cipressi, canfori, pini e cedri, alcuni dei quali affondano le radici fino all’acqua del Lago.

I cinque concerti di Tremezzina Music Festival 2022 presenteranno un originale percorso musicale attraverso le contaminazioni artistiche del jazz e delle influenze compositive della black music, in piena sintonia con la filosofia di multiculturalismo e trasversalità artistica promossa da Musicamorfosi.

“Quest’edizione è caratterizzata da un percorso artistico nuovo, trasversale, che percorre le suggestioni e la forza del contemporaneo e si snoda in un sentiero che esplora con coraggio artistico la musica con forti radici culturali – dichiara Saul Beretta, direttore creativo di Musicamorfosi – la spiritual e black music, la canzone popolare d’autore del Salento e del Sud Italia, le opere di incredibile essenzialità compositiva di Arvo Part e Zbigniew Preisner, fino ad arrivare a nuove composizioni e ritmi incalzanti e moderni di Phase Duo, Anais Drago e Woodoism. Sarà un programma intenso, ma alla portata di qualsiasi ascoltatore che voglia goderne in due spettacolari ed esclusivi luoghi in riva al Lago di Como.”

Lunedì 8 alle 21 al Parco Tereso Olivelli, quella che Carlin Petrin ha definito  fanfara urbana, ossia la Bandakadabra unirà le note a quelle della talentuosa tromba di Giovanni Falzone nello spettacolo POST / FUNERAL MUSIC, un nuovo progetto che si avvale della partecipazione straordinaria del trombonista di caratura internazionale Mr. T-Bone riproponendo il repertorio delle funeral march della New Orleans che, nell’accompagnare la fine di una vita in musica, ne celebrano l’eternità spirituale attraverso ritmi e melodie di retaggio afro-americano nate nella città culla del jazz contemporaneo: da Amazing Grace a Just a Closer With Thee, fino a Down by the Riverside e When the Saints Go Marching In.

Martedì 9 riserva un doppio appuntamento: alle 10.30, la Piazzetta di Rogaro ospiterà lo spettacolo SACRI MANTICI con protagonista il fisarmonicista Antonino De Luca, performer classe 1991 di caratura internazionale (si è esibito in Germania, Stati Uniti, Canada, Olanda, Slovacchia, Francia, Israele, Inghilterra, Polonia e in molti altri paesi). Il concerto avrà luogo sul sagrato della Chiesa della Madonna di Einsiedeln, l’unico oratorio in Italia dedicato alla Madonna Nera, dove la fisarmonica sarà veicolo di una narrazione musicale sospesa tra il sacro e il profano, tra la spiritualità e la naturalezza di una privilegiata vista sul Lago di Como.
Alle 21 al Parco Teresio Olivelli, la fisarmonica di De Luca incontrerà la voce della cantante Maria Mazzotta, ex voce del Canzoniere Grecanico Salentino e una delle voci più apprezzate del panorama della world music europea, nello spettacolo AMORE AMARO. Il progetto musicale è un’intensa e appassionata riflessione femminile sui vari volti dell’amore, da quello grande, disperato e vulnerabile a quello malato, possessivo e abusato, attraverso la tradizione artistica degli stornelli fino ai brani di tradizione riarrangiati e a pietre miliari come Lu pisci Spada di Domenico Modugno, Rosa canta e cunta della grande cantautrice siciliana Rosa Balistreri e due brani inediti in lingua salentina: la dolorosa ballata d’amore Nu me lassare e la pizzica Amore Amaro.

Dopo i tumulti emotivi provocati dall’amore, mercoledì 10 alle ore 21 si ascende al PARADISO una produzione originale Musicamorfosi che vede protagonista Phase Duo, fresco del successo ad Hannover al Classical Next con Eloisa Manera (voce), Stefano Greco (elettronica e monochord), Joo Cho (soprano), Roberto Olzer (organo) e Andrea Baronchelli (trombone). Il concerto, altrettanto spirituale, sarà un concept musicale raccontato “tra Inferno e Paradiso”, attraverso un inedito intreccio sonoro di analogico e digitale, classico e elettronico e ripercorrendo secoli di storia della musica con la rielaborazione di alcuni capolavori del passato, da Bach a Mozart fino ad autori della contemporaneità come Arvo Part e Z. Preisner autore della colonna sonora dei film di K Kieslowsky.

La speciale cinque-giorni di Musicamorfosi a fior di lago sarà conclusa con il concerto BACK TO BLACK, alle 21 al Parco Teresio Olivelli, che chiude il cerchio di ricerca artistica, musicale, culturale e spirituale promosso dall’edizione 2022 di Tremezzina Music Festival. Anais Drago, giovanissimo talent italiano vincitore del premio Top Jazz – Nuovi Talenti 2021 mescolerà jazz, sperimentazione, world music in uno stile personale assieme al gruppo capitanato dal pluripremiato trombonista elvetico Florian Weiss. Africa e vodoo costituiranno l’origine artistica di partenza per un concerto jazz che parte idealmente da Zurigo ed esplora i suoni dell’Africa nera, fino a tornare al punto di partenza del Festival musicale: classici spirituals di New Orleans.

L’obiettivo è abbinare la ricerca musicale a livello internazionale alla valorizzazione di arte, storia, territorio e tradizioni culturali dei luoghi dei concerti, spesso selezionati in quanto patrimoni storico-artistici delle province coinvolte, per un Festival libero e gratuito all’insegna dell’inclusione sociale e della valorizzazione del patrimonio unico del territorio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...