Domenica 29 ottobre, su Rai1 alle 9.45, a “Paesi che vai… Luoghi, detti, comuni” si farà tappa ad Agrigento

Domenica 29 ottobre, su Rai1 alle 9.45, a “Paesi che vai… Luoghi, detti, comuni” si farà tappa ad Agrigento. Antico comune originario dalla Magna Grecia, oggi abitato da 60 mila agrigentini detti anche girgentani, è stata la più importante città greca della Sicilia che contava, all’apice del suo splendore, più di 300 mila abitanti. I suoi resti sono maestosi e imponenti, distesi in una “Valle” che l’Unesco, nel 1997, ha dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità. La città è legata anche al drammaturgo Luigi Pirandello, premio Nobel per la letteratura nel 1934. Per le eccellenze gastronomiche si seguirà la preparazione del Cous Cous, un piatto tipico del Mediterraneo, proposto in infinite varianti. Infine, si andrà  alla scoperta della Perla Nera, la più  meridionale delle isole siciliane, famosa per i capperi e per la viticoltura “eroica”, distribuita su stretti ed erti pendii. Akragas, come la chiamavano i Greci, fu fondata nel 581 a.C. e venne considerata dal poeta Pindaro “la più bella dei mortali”. Agrigento cambiò il nome diverse volte: i Romani la chiamarono Agrigentum; gli Arabi  Gergent e infine i Normanni la trasformeranno  in Girgenti e tale rimase fino al 1926 quando la città prese il nome definitivo di Agrigento. Nel cuore del colle di Girgenti si sviluppò la città araba e normanna. Sulla piazza del municipio domina la chiesa di San Domenico accanto il Palazzo dei Giganti, simbolo della cittadina. Al suo interno c’è il teatro Pirandello, un gioiello costruito nella metà dell’800 e intitolato inizialmente alla regina Margherita di Savoia. Solo nel 1946, in occasione delle celebrazioni per il decennale della morte del drammaturgo, il teatro venne dedicato a Luigi Pirandello e tutt’ora qui vengono spesso rappresentate le sue opere. Per i 150 anni dalla scomparsa del Premio Nobel il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto celebrare una cerimonia in suo onore.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...