Presentata la stagione 2018/2019 del Teatro di Varese. Le interviste con I Legnanesi, Tullio Solenghi e Filippo De Sanctis

Quella 2018/2019 per il Teatro OpenJobemetis di Varese sarà una stagione con un cartellone ricchissimo di importanti spettacoli e prestigiosi artisti, e avrà come titolo “Una stagione di felicità”. Si comincia il 27 ottobre con “Compatibilmente” con Renato Pozzetto, si prosegue con gli spettacoli di Massimo Lopez e Tullio Solenghi, Beppe Grillo, Antonio Albanese con cui si brinderà al nuovo anno, i Legnanesi che festeggiano 70 anni, Massimo Ranieri, con i comici Giacobazzi, Giovanni Vernia, Pucci, Gioele Dix, Debora Villa, ma anche con la musica di Alice, Mario Biondi, Roberto Cacciapaglia, Angelo Branduardi, per concludersi sabato 11 maggio 2019 con un tributo agli Abba, “The ultimate Abba tribute show” con la compagnia Rock Opera.

Il cartellone completo sul sito teatrodivarese.altervista.org

A margine della presentazione abbiamo intervistato i Legnanesi, Tullio Solenghi e il direttore artistico del Teatro di Varese Filippo De Sanctis.

INTERVISTA CON I LEGNANESI (ANTONIO PROVASIO E LUIGI CAMPISI)

ILEGNANESI-500x300

I Legnanesi al Teatro di Varese sono una piacevole tradizione…

Per noi il Teatro di Varese è una pietra miliare, ci teniamo tanto e saremo qui con 5 serate. Nuova rivista, nuovo spettacolo, 70 voglia di ridere c’è, con cui festeggeremo i nostri primi settanta anni. La Compagnia è nata nel 1949 con il grande Felice Musazzi e Toni Barlocco, abbiamo cercato di portare avanti la tradizione nel miglior modo possibile, grazie al pubblico che non ci ha mai abbandonati, siamo strafelici di questa cosa.

Settanta anni fa il Giovanni già c’era…

Al crepa mai, è così…(ridono).

Tra i progetti c’è quello di aprire una scuola di teatro a Varese…

Sono anni che stiamo valutando questa situazione, ma non abbiamo tempo perché le date sono tante, il sogno è creare una scuola di teatro dialettale lombardo a Varese.

E il progetto legato al cinema?

Lo spettacolo in teatro sta andando bene, stiamo valutando e ponderando alcune proposte,  in tv o al cinema troverete i Legnanesi.

INTERVISTA CON FILIPPO DE SANCTIS

41564764_10215674752093798_2195336717618118656_n

credit foto Simone Zani

Filippo De Santis, nuova stagione all’insegna dell’eccellenza e della qualità…

Abbiamo il vezzo di dare un titolo ad ogni stagione, quest’anno abbiamo scelto Una stagione di felicità, perché per noi è un punto di arrivo, si avviano collaborazioni con tanti professionisti nei quali crediamo e si realizza quello che poteva essere un nostro percorso e questo significa essere felici, oltre ad avere uno dei cartelloni migliori degli ultimi anni con spettacoli importanti come Albanese il 31 dicembre, Beppe Grillo, balletti, comici, musical come FlashDance, ospiti come Ranieri o Renato Pozzetto che apre la stagione, e I Legnanesi che non possono mancare.

In programma c’è anche la collaborazione con il regista Andrea Chiodi…

Andrea Chiodi e io vogliamo collaborare sulla prosa, che quest’anno stiamo parzialmente fermando per un cartellone che vedrà la luce nel 2019/2020 però serve il sostegno dell’amministrazione perché il progetto richiede un investimento significativo, non solo per pagare gli spettacoli ma per risollevare il pubblico della prosa, mandando persone a spiegare il teatro nelle scuole. E’ un dovere civico di una struttura culturale. L’amministrazione ci ha dato una risposta positiva, ora però serve un tempo.

INTERVISTA CON TULLIO SOLENGHI

Lopez-Solenghi-500x300

Tullio Solenghi torna a Varese con Massimo Lopez…

Si torna sempre volentieri a Varese e poi con l’accoppiata rinnovata con Massimo Lopez è ancora piu’ bello. Siamo stati qui 15 anni fa con La strana coppia ed era giusto riaggiornarci.

Varese ha sempre amato il teatro e lo dimostra ogni anno…

C’è spazio per la prosa, per la lirica, è un cartellone trasversale, come deve essere lo spettacolo. Credo che il nostro possa annoverarsi come buono spettacolo, abbiamo fatto 100 date nella passata stagione, ne faremo 115 quest’anno, da vecchiarelli come siamo è un buon risultato”.

Qual è la molla che vi spinge a continuare?

Il divertimento e la passione, quando riesci a far diventare il tuo lavoro un divertimento hai trovato la quadra e noi ci riusciamo sera dopo sera”.

di Simone Zani

 

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...