Stasera a “Speciale TG1”: “Roma, Napoli, Venezia… in un crescendo rossiniano”, un documentario in tecnologia Super HD 4k sulle bellezze artistiche e culturali di tre grandi città d’arte italiane

Domenica 18 novembre alle 24.05 su Rai1 va in onda nello “Speciale TG1” “Roma, Napoli, Venezia… in un crescendo rossiniano”  un documentario in tecnologia Super HD 4k sulle bellezze artistiche e culturali di tre grandi città d’arte italiane prodotto dalla Direzione Qualità e Pianificazione Rai in collaborazione con Eutelsat. Il progetto ha lo scopo di sperimentare le tecnologie di ripresa nell’innovativo standard televisivo 4k che prevede una definizione di immagine pari a quattro volte quella dell’attuale Alta Definizione televisiva. È uno standard innovativo in grado di portare su schermi televisivi sempre più grandi la qualità del Cinema Digitale. Diretto dalla regista Lina Wertmüller, il documentario è incentrato sul celebre musicista Gioacchino Rossini che, attraversando in carrozza e in gondola tre grandi città – Roma, Napoli e Venezia – svela come la Cultura e la Musica del passato siano sempre vive e risonanti nel presente. Nelle vesti di attore protagonista, il cantante e compositore Elio, accompagnato da Giuliana De Sio nei panni della moglie, Isabella Colbran. Le belle immagini delle città italiane sono anche arricchite con riproduzioni di quadri d’epoca in risoluzione 8k. L’iniziativa si inquadra nel percorso di innovazione tecnologica che la Direzione Qualità e Pianificazione ha posto trai suoi obiettivi prioritari e nell’attività di sperimentazione tecnologica di nuovi sistemi di ripresa con contenuti d’autore.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...