A “Quarto Grado” gli sviluppi sul caso di Stefania Crotti

Venerdì 25 gennaio – in prima serata, su Retequattro – nuovo appuntamento con “Quarto Grado”. In conduzione Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero.
Il programma a cura di Siria Magri si occupa della morte di Stefania Crotti, scomparsa giovedì 17 gennaio e trovata carbonizzata il giorno successivo a Erbusco, nelle campagne bresciane.
Secondo i primi accertamenti, la 42enne di Gorlago (BG), sarebbe morta a causa di una serie di martellate inflittele nel garage di Chiara Alessandri, ex amante del marito della vittima, Stefano Del Bello.
La Alessandri, grazie all’aiuto di un amico, Angelo Pezzotta, è riuscita ad ingannare la Crotti attirandola nel luogo del delitto. Ma l’incontro tra le due sarebbe sfociato in una lite e, sempre secondo la Alessandri, la Crotti sarebbe morta per aver sbattuto la testa contro uno spigolo. A quel punto, la Alessandri, sotto shock, avrebbe caricato e portato via il corpo della Crotti in macchina.
Chiara Alessandri ha poi confessato agli inquirenti di volere solo un chiarimento con la moglie di Del Bello. La 43enne, in carcere a Verziano (BS) con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere, inoltre, continua a negare di aver dato fuoco al cadavere di Stefania Crotti.
Per le segnalazioni da parte dei telespettatori, sono sempre attivi il centralone e l’account di Facebook Messenger del programma.
Inoltre, prosegue la campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, fil rouge di questa edizione: gli spettatori possono inviare un selfie con l’emblematica “scarpa rossa” sugli account social di “Quarto Grado”.
Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...