JMJ PANAMA 2019: Papa Francesco all’incontro con i Volontari: “Avreste perfettamente potuto scegliere altre cose, ma avete voluto impegnarvi per rendere possibile il miracolo della moltiplicazione non solo dei pani ma della speranza”

Prima di tornare a Roma, Papa Francesco ha incontrato i volontari nazionali e internazionali che hanno prestato il loro servizio nell’organizzazione e nello sviluppo della Giornata Mondiale della Gioventù a Panama 2019.

L’incontro si è svolto presso lo stadio Rommel Fernández Juan Díaz, nella città di Panama. Il Santo Padre è arrivato alle 16:10 ora locale ed è stato ricevuto dall’Arcivescovo, Mons. José Domingo Ulloa Mendieta, per accompagnare Papa Francesco nel tour dello stadio su una piccola auto elettrica.

Cari volontari“, ha detto il Papa, “Prima di terminare questa Giornata Mondiale della Gioventù, ho voluto incontrarmi con tutti voi per ringraziare ciascuno del servizio che avete compiuto in questi giorni e durante gli ultimi mesi che hanno preceduto la Giornata. Grazie a Bartosz, Stella Maris del Carmen e Maria Margarida per aver condiviso le loro esperienze in prima persona. Com’è importante ascoltarvi e renderci conto della comunione che si crea quando ci uniamo per servire gli altri! Sperimentiamo come la fede acquista un sapore e una forza completamente nuovi: diventa più viva, dinamica e reale. Si sperimenta una gioia diversa per aver avuto l’opportunità di lavorare fianco a fianco con gli altri per raggiungere un sogno comune. So che tutti voi avete sperimentato questo.
Voi ora sapete come batte il cuore quando si vive una missione, e non perché qualcuno ve l’ha raccontato, ma perché l’avete vissuto. Avete toccato con mano che «nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici» (Gv 15,13).
E avete dovuto anche vivere momenti duri che vi hanno richiesto diversi sacrifici. Come ci dicevi, Bartosz, uno sperimenta anche le proprie debolezze. Il bello è che queste debolezze non ti hanno fermato nel tuo impegno e nemmeno sono diventate la cosa centrale e più importante. Le hai sperimentate nel servizio, sì; cercando di capire e di servire gli altri volontari e i pellegrini, certo; però hai avuto il coraggio di non farti frenare da questo, di non farti paralizzare, e sei andato avanti. Così è la bellezza di saperci inviati, la gioia di sapere che al di sopra di tutti gli inconvenienti abbiamo una missione da portare avanti. Non lasciare che i limiti, le debolezze e nemmeno i peccati ci frenino e ci impediscano di vivere la missione, perché Dio ci chiama a fare quello che possiamo e a chiedere quello che non possiamo, sapendo che il suo amore ci prende e ci trasforma in maniera graduale (cfr Esort. ap. Gaudete et exsultate, 49-50). Hai messo il servizio e la missione al primo posto, e il resto vedrai che verrà in aggiunta.
Grazie a tutti, perché in questi giorni siete stati attenti e disponibili fino ai più piccoli, quotidiani e apparentemente insignificanti dettagli, come offrire un bicchier d’acqua, e – contemporaneamente – avete seguito le cose più grandi che richiedevano molta pianificazione. Avete preparato ogni particolare con gioia, creatività e impegno, e con molta preghiera. Perché le cose pregate si sentono in profondità. La preghiera dà spessore e vitalità a tutto quello che facciamo. Pregando scopriamo di far parte di una famiglia più grande di quanto possiamo vedere e immaginare. Pregando “apriamo il gioco” alla Chiesa che ci sostiene e ci accompagna dal cielo, ai santi e alle sante che ci hanno segnato il cammino, ma soprattutto “apriamo il gioco” a Dio.
Avete voluto dedicare il vostro tempo, le energie, le risorse a sognare e costruire questo incontro. Avreste perfettamente potuto scegliere altre cose, ma avete voluto impegnarvi. Dare il meglio di voi per rendere possibile il miracolo della moltiplicazione non solo dei pani ma della speranza. Qui, ancora una volta, dimostrate che è possibile rinunciare ai propri interessi a favore degli altri. Come hai fatto anche tu, Stella Maris, che avevi raccolto centesimo su centesimo per poter partecipare alla GMG a Cracovia, ma hai rinunciato per poter garantire l’aiuto dei tuoi tre nonni. Hai rinunciato a partecipare a qualcosa che ti piaceva e che avevi sognato per poter aiutare e sostenere la tua famiglia, per onorare le tue radici; e il Signore, senza che te lo aspettassi né lo pensassi, ti stava preparando il regalo che la GMG sarebbe venuta nella tua terra. Come Stella Maris, anche molti di voi hanno fatto rinunce di ogni tipo. Avete dovuto accantonare sogni per prendervi cura della vostra terra, delle vostre radici. Questo il Signore lo benedice sempre, e non si lascia vincere in generosità. Ogni volta che rinviamo qualcosa che ci piace per il bene degli altri e specialmente dei più fragili, o delle nostre radici come sono i nostri nonni e anziani, il Signore ce lo restituisce al cento per uno. Perché nella generosità nessuno può vincerlo, nell’amore nessuno può superarlo. Amici, date e vi sarà dato, e sperimenterete come il Signore vi verserà in grembo «una misura buona, pigiata, colma e traboccante» (Lc 6,38). Avete fatto un’esperienza di fede più viva, più reale; avete vissuto la forza che nasce dalla preghiera e la novità di una gioia diversa frutto del lavoro fianco a fianco anche con persone che non conoscevate.
Adesso viene il momento dell’invio: andate e raccontate, andate e testimoniate, andate e trasmettete quello che avete visto e udito. Tutto questo, cari amici, fatelo conoscere. Non con tante parole ma, come avete fatto qui, con gesti semplici e quotidiani, quelli che trasformano e fanno nuove tutte le ore. Chiediamo al Signore la sua benedizione. Che benedica le vostre famiglie e comunità e tutte le persone con cui vi troverete e vi incontrerete nel prossimo futuro. Mettiamoci anche sotto il manto della Vergine Santa. Che lei vi accompagni sempre. E come vi dissi a Cracovia, non so se ci sarò alla prossima GMG, ma Pietro sicuramente ci sarà e vi confermerà nella fede. Andate avanti, con forza e coraggio e, per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Grazie!”.

L’incontro è iniziato alle 16.30 con il saluto del Coordinatore Generale della Giornata Mondiale della Gioventù 2019, e quindi c’è stata la testimonianza di tre volontari, tra cui un giovane rappresentante del Portogallo, la nazione in cui si terrà la prossima GMG.

L’Arcivescovo di Panama ha rivolto alcune parole di ringraziamento, e poi il Santo Padre ha consegnato un messaggio ai giovani volontari. Al termine c’è stato un momento di preghiera e benedizione.

Per le migliaia di panamensi che hanno preparato l’evento per molti mesi, il volontariato è un’opportunità per riflettere sui frutti del loro lavoro nel loro paese. “È davvero commovente sapere che parte di ciò che ho fatto ha contribuito a questo grande evento e sapere che in questo piccolo paese di Panama migliaia di giovani si uniscono per condividere le loro convinzioni e la loro gratitudine”, dice Carolina Tapia, volontaria, 22 anni, di Panama. “Per molti di noi, sarà l’unica opportunità che avremo per vedere il Papa perché molti dei volontari hanno lavorato in luoghi lontani dagli eventi principali”.

19.500 volontari a breve e lungo termine si sono registrati per la Giornata mondiale della gioventù 2019 a Panama. Di questi, 2.445 sono volontari internazionali. I paesi con il maggior numero di volontari sono Colombia, Brasile, Costa Rica, Messico e Polonia.

Prima della sua partenza, Papa Francesco ha incontrato privatamente il Presidente della Repubblica, Juan Carlos Varela Rodriguez e sua moglie, la signora Lorena Castillo, in una sala appositamente allestita per l’occasione presso l’aeroporto di Tocumen.

Alla fine di questo incontro, Sua Santità andrà alla piattaforma dell’aeroporto, dove circa 1.500 fedeli lo aspetteranno.
In una cerimonia semplice, molto simile a quella di benvenuto, la banda repubblicana ha intonato le note dell’Inno Pontificio e dell’inno della Repubblica di Panama.
Alle 18:15 il Santo Padre a bordo del Boeing 787 della compagnia aerea Avianca, è ripartito alla volta di Roma.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...