L’impegno Rai per l’8 Marzo: Una programmazione dedicata ai temi della Giornata Internazionale della Donna

La Giornata Internazionale della Donna, celebrata ogni anno l’8 marzo, è un appuntamento necessario per ricordare le tante conquiste  compiute nel corso della storia ma anche per tenere alta l’attenzione sulle discriminazioni, le violenze, i soprusi ancora perpetrati ai danni delle donne ma che danneggiano ed umiliano l’intera società civile. Un’occasione per riflettere sui passi avanti fatti e sui molti ancora da compiere.
La celebrazione di questa ricorrenza è un dovere istituzionale importante per la Rai, azienda che basa il suo successo anche sul lavoro di tante donne e che, proprio in virtù dell’importanza della corretta rappresentazione della figura femminile inserisce questo punto tra i vincoli del Contratto di Servizio. Grande è dunque l’impegno delle testate e di tutte le reti Rai nel promuovere i temi della Giornata.Un palinsesto al femminile
Da lunedì 4 a venerdì 8 marzo è in onda su tutti i canali uno spot con il preciso intento di rimarcare l’importanza sociale della ricorrenza alla quale è dedicata anche una programmazione speciale.  Su Rai1 le trasmissioni UnoMattina (dalle 6.45) e La Vita in diretta (alle 16.50) riserveranno uno spazio di approfondimento alla Giornata dell’8 marzo mentre a partire dalle 10.55 sarà trasmessa in diretta dal Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente Sergio Mattarella, la Cerimonia per la Celebrazione della Giornata della Donna a cura del Tg1 in collaborazione con Rai Quirinale, seguita anche da Rainews24.
Sempre su Rai1, per continuare a parlare di donne, di storia ma anche di obiettivi da raggiungere, anche nella giornata di sabato 9 marzo UnoMattina in Famiglia (dalle 8.25) riserverà un segmento del programma alla celebrazione.
Su Rai 2 due programmi amati e seguiti come I Fatti Vostri (alle 11.00) e Detto Fatto (alle 14.00), l’8 marzo dedicheranno uno spazio alla ricorrenza con ospiti e approfondimenti.
Ampia attenzione alla Festa Internazionale della donna verrà destinata da Rai 3 che ha iniziato a trattare il tema già domenica 3 marzo con il programma Sopravvissute, una produzione che si occupa di donne sopravvissute a relazioni malsane e violente. L’8 marzo invece la programmazione dedicata inizierà alle 10.40 con Tuttasalute seguito da Passato e Presente che alle 13.15 si occuperà della figura di Maria Montessori con la professoressa Valeria Paola Babini che insieme a Paolo Mieli parlerà della donna scienziato italiana più conosciuta e celebrata all’estero. A seguire, ancora su Rai 3, alle 17 Geo ospiterà la scrittrice Chiara Gamberale. Sarà presentato il suo libro “L’isola dell’abbandono”, ambientato a Naxos, storia di una donna, dei suoi dolori e della maturazione della consapevolezza grazie alla maternità.
Alle 21.20 la programmazione prevede poi il film “7 minuti”, per la regia di Michele Placido con Ambra Angiolini, Michele Placido, Cristiana Capotondi, Fiorella Mannoia, Maria Nazionale e Violante Placido, ispirato ad una storia vera, che affronta il tema dell’erosione dei diritti dei lavoratori, in particolare delle lavoratrici. In seconda serata, sempre su Rai3, “Sex Story, prodotto realizzato con il prezioso materiale delle teche Rai da Cristina Comencini e Roberto Moroni. Centinaia di ore di trasmesso dalle quali scaturisce una fotografia composita e multicolore dei costumi sessuali dell’Italia nell’arco dei primi trentacinque anni di storia televisiva del Paese.
Rai Movie dedicherà all’8 marzo una serie di film incentrati sulle donne a partire da Viaggio sola, in onda alle 14.20, per la regia di Maria Sole Tognazzi, con Margherita Buy, Stefano Accorsi e Lesley Manville, per proseguire con La duchessa, alle 15:45, film di Saul Dibb, con Keira Knightley, Ralph Fiennes, Dominic Cooper e Charlotte Rampling che narra di come una duchessa viene messa all’indice a causa del suo spirito indipendente. Alle 17.40 la pellicola A letto con il nemico di Joseph Ruben, con Julia Roberts, Patrick Bergin e Kevin Anderson, in cui la protagonista, per sfuggire al marito psicopatico e ricostruirsi una vita, decide di fingersi morta. Il ciclo continua alle 21.10 con Two Mothers di Anne Fontaine, con Naomi Watts e  si conclude alle 22.50 con Bleeding Heart per la regia di Diane Bell, con Jessica Biel, Zosia Mamet e Joe Anderson: l’istruttrice di yoga May ritrova la sorella Shiva, da tempo lontana, e la scopre vittima di un rapporto abusivo.

Rai Cultura è donna
Venerdì 8 marzo anche Rai Cultura celebrerà la Giornata Internazionale della Donna proponendo sui canali Rai Storia, Rai Scuola, Rai 5 e sul portale Rai Cultura Web e Social, film, web doc, documentari e contenuti esclusivi che consentiranno di conoscere le grandi donne della storia e approfondire la questione femminile.
Grande attenzione al mondo femminile e alle tematiche legate ai diritti delle donne su Rai5 che già il 5 marzo – e in replica l’8 marzo alle 17.30 – presenta il documentario “Ava Gardner, il miglior film è quello della vita”: un ritratto della celebre stella di Hollywood che non smise mai di amare le persone che più furono presenti nella sua vita, come Frank Sinatra. Sempre su Rai5 l’8 marzo alle 20.25 il documentario “Quattro secoli di arte al femminile” dedicato ad Artemisia Gentileschi, Rosa Bonheur, Berthe Morisot, Sofonisba Anguissola o Elisabeth Vigée Lebrun, pittrici che hanno lasciato un segno nell’arte occidentale, per tradizione narrata principalmente attraverso le opere di artisti uomini. La giornata Internazionale della donna termina su Rai5 alle 23.15 con “Terza pagina” (in replica sabato 9 marzo alle 8.00) dedicato alla creatività femminile tra arte, letteratura, musica, cinema, innovazione, scienza.
Tutta al femminile la programmazione di Rai Storia, da “Il giorno e la Storia” che – alle 8.30 con repliche successive – ricorda la manifestazione portata in piazza dalle donne, a Roma nel 1972, fino a “I grandi discorsi della storia” che chiude il palinsesto dedicato con la puntata “Parole di donne coraggiose”, in onda alle 23.10. Durante il giorno alcuni ritratti al femminile sia a “Passato e Presente” (alle 8.50, alle 14.20 e alle 20.30) che nelle serie “Italiani” e “Grandi Donne” (dalle 12.00 fino alla prima serata): da Carla Lonzi a Palma Bucarelli, da Anne Morgan a Rita Levi Montalcini, da Noor Inayat Khan a Grazia Deledda, da Maria Montessori a Eleanor Roosvelt, quest’ultima al centro del documentario in prima serata.
A intervallare i ritratti, alcuni approfondimenti sulla condizione femminile tra luci e ombre: alle 10.30 il documentario “Eccellentissima Strega” racconta tre processi dell’Inquisizione attraverso i documenti storici custoditi dall’Archivio di Stato di Modena; alle 12.55 “Donne e Costituzione” è un omaggio alle “madri della Repubblica”, mentre alle 15.00 “Marisa della Magliana” racconta in un film intervista la vita di Marisa Canavesi, una ragazza madre. Ancora nel pomeriggio, alle 18.50, si torna al 1946 con “Le donne al voto” che rievoca la loro partecipazione, per la prima volta, alle elezioni amministrative e poi al referendum Monarchia–Repubblica. Alle 19.00, invece, “Tv Storia” dedica la puntata ai cambiamenti della percezione e della rappresentazione del corpo femminile.
Rai Scuola riprende il tema dell’emancipazione femminile e il ruolo della donna nella società con lo Speciale dal titolo “Come il vento che forgia le cose”, in onda alle 9.30 e attraverso il racconto della figura di Grazia Deledda. Alle 19 lo speciale “Il mio nome è donna” con l’esperienza fatta dai ragazzi dell’ITIS Torricelli di Sant’Agata di Militello: un lungo viaggio, anche all’interno di se stessi, che li ha condotti fino ad un meritato premio assegnatogli dal Parlamento.
Rai Cultura web e social propone, inoltre, il web doc “8 marzo” realizzato con video storici, selezionati dall’archivio RAI, e contenuti esclusivi per ripercorrere le principali tappe della conquista dei diritti civili e politici da parte delle donne. Su Rai Letteratura, infine, lo Speciale “8 marzo: otto storie di donne (da cui trarre ispirazione)”, una selezione di libri recenti di grande interesse, scritti da Michela Marzano, Nadia Terranova, Letizia Muratori, Francesca Diotallevi, Benedetta Cibrario, Franca Cancogni, Jhumpa Lahiri, Inaam Kachachi: ritratti di donne capaci di dare una svolta alla propria vita.

L’informazione per la Giornata internazionale della donna
Per quanto riguarda l’informazione tutte le Testate dedicheranno nei rispettivi telegiornali un’ampia copertura informativa alla celebrazione. Rainews24, in  particolare, oltre a seguire la cerimonia dal Quirinale proporrà –come l’8 di ogni mese – anche la rubrica #NON SOLO 8 MARZO, storie straordinarie, in clip di due minuti circa, di donne normali che, con le loro imprese, attività e impegno, contribuiscono all’affermazione di modelli femminili positivi. Ospiti in studio, servizi e approfondimenti, nel corso della programmazione quotidiana.

Radio Rai per l’8 Marzo
Per la Giornata internazionale della donna tutti i canali radiofonici della Rai proporranno spazi all’interno della programmazione quotidiana. Così, oltre alle informazioni giornalistiche all’interno dei Giornali radio, Radio1 racconterà l’8 marzo all’interno di almeno quattro programmi: ‘Il mattino di Radio1’, ‘Radio1 giorno per giorno’, ‘Radio1 in viva voce’ e ‘Mangiafuoco sono io’.
Radio2 tra le 7 e le 21 proporrà all’interno dei programmi live degli sketch con le voci di Sergio Assisi, Paola Minaccioni e Federica Cifola che raccontano l’universo femminile. La sera, a partire dalle 21, stavolta con le voci di Carolina Di Domenico e Pier Ferrantini, sarà la voltra del concerto ‘La casa siamo tutte’, l’appuntamento a sostegno della Casa Internazionale delle donne di Roma.
Ancora musica e parole, stavolta dal vivo dagli studi di Via Asiago, per Radio3 che ha delineato una ‘giornata particolare’ per l’8 marzo. In scena una pièce teatrale con le attrici della compagnia ‘Mitipretese’. Molti i programmi che tratteranno – e con diversi punti di vista – la Giornata Internazionale della Donna a partire da ‘L’idealista’, ‘Battiti’, “Radio3scienza”, ‘La lingua batte’ e ‘Wikiradio’.
Anche Isoradio darà risalto alla figura della donna, specialmente quelle impegnate nelle Istituzioni, al servizio dello Stato e dei cittadini. Al microfono si alterneranno sindaci, prefetti, dirigenti della Polizia, scrittrici e volontarie.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...