Addio a Nadia Toffa, inviata e conduttrice de Le Iene

Ci sono delle notizie che non vorresti mai leggere e di cui non vorresti dover scrivere perchè è difficile trovare le parole. Nadia Toffa, storica inviata e conduttrice de Le Iene, si è spenta a soli 40 anni dopo aver lottato per oltre un anno e mezzo contro il cancro. Ad annunciarlo tramite un commovente post sui social è stato lo staff della trasmissione tv:

E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, NON PERDE MAI.
Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all’ultimo, fino a oggi.
D’altronde nella vita hai lottato sempre. 
Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse è per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa. È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi.
Il destino, il karma, la sorte, la sfiga ha deciso di colpire proprio te, la NOSTRA Toffa, la più tosta di tutti, mentre qualcuno non credeva alla tua lotta, noi restavamo in silenzio e tu sorridevi.

Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta… il cancro, che fino a poco tempo fa tutti chiamavano timidamente “Il male incurabile” e che, anche grazie alla tua battaglia, adesso ha un nome proprio. 

“Non bisogna vergognarsi di guardarlo in faccia e chiamarlo per nome il bastardo, – dicevi – che magari si spaventa un po’ se lo guardi fisso negli occhi”.

E dato che sei stata in grado di perdonare l’imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto.

Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare a essere quelli di sempre. 

Niente per noi sarà più come prima“.

 

Da quel 2 dicembre 2017, giorno in cui si è sentita male mentre era a Trieste per realizzare un servizio per Le Iene, scoprendo poi la malattia, Nadia Toffa ha sempre lottato con forza di volontà, dignità e determinazione, senza perdere mai il suo dolce sorriso, diventando un esempio da seguire per tante persone che si trovano ad affrontare la sua stessa situazione.

Nadia ha combattuto da vera guerriera, è tornata a condurre Le Iene, ha raccontato la sua battaglia nel libro “Fiorire d’inverno, la mia storia”, senza mai arrendersi, trovandosi purtroppo a dover lottare anche contro tanti haters che le hanno rivolto insulti e post indecorosi. Ma con la sua tenacia e la sua voglia di vivere è riuscita a superare anche questo, sostenuta da tantissime persone che le sono state accanto.

Recentemente è stata insignita della cittadinanza onoraria di Taranto “per il grande impegno solidaristico ed altruistico e per la fondamentale attività svolta a sostegno del reparto di pediatria oncologica dell’Ospedale SS. Annunziata”. Ha infatti realizzato diversi servizi inerenti l’Ilva e i problemi ambientali della città e ha contribuito a pubblicizzare a livello nazionale l’acquisto di una maglietta con la scritta “Ie Jesche Pacce Pe Te” che ha riscosso un grandissimo successo ed il cui ricavato è stato devoluto per la realizzazione del reparto di Oncoematologia pediatrica presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto, inaugurato lo scorso anno.

Nadia Toffa ha anche debuttato come cantante con il singolo “Diamante briciola”, un brano da lei scritto e interpretato.

“Non si sa chi vincerà. Vivendo lo scoprirò controllo dopo controllo tra qualche anno. Chi ha il cancro sa di cosa parlo. Non sospendiamo la vita per colpa del Cancro. non diamogliela vinta. Dobbiamo sorridere sempre”, ha scritto la conduttrice in un post in occasione dell’uscita nel 2018 del libro Fiorire d’inverno.

Un insegnamento prezioso, che non dobbiamo dimenticare, quello che ci ha lasciato Nadia: amare la vita e vivere ogni istante intensamente, senza smettere mai di lottare e di sorridere. Proprio come ha fatto lei.

Un abbraccio alla famiglia di Nadia Toffa e a tutta la redazione de Le Iene.

F.M. 

 

Un commento

  1. Il suo messaggio sono convinta vivrà per sempre, è stata un esempio di come si debba lottare per la vita, dono preziosissimo… mi fa ribrezzo che gli haters non si siano placati nemmeno oggi, ma del resto che ci si può fare? Solo un pensiero per Nadia e tutto il resto fuori

    "Mi piace"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...