VENEZIA77: “Notturno” di Gianfranco Rosi, in Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia: “Il film non voleva dare delle risposte ma raccontare la quotidianità all’interno di questi confini, senza dare una collocazione geografica”

“Notturno” è il nuovo film di Gianfranco Rosi, in Concorso alla 77a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

La pellicola racconta la quotidianità che sta dietro la tragedia continua di guerre civili, dittature feroci, invasioni e ingerenze straniere, sino all’apocalisse omicida dell’ISIS: Rosi ha girato nel corso di tre anni in Medio Oriente sui confini fra Iraq, Kurdistan, Siria e Libano, per raccontare storie diverse, al di là delle divisioni geografiche ma unite dalla narrazione. Tutto intorno, e dentro le coscienze, segni di violenza e distruzione: ma in primo piano è l’umanità che si ridesta ogni giorno da un Notturno che pare infinito.

Durante questi tre anni ho incontrato le persone che vivono nelle zone di guerra. Ho voluto rappresentare le storie, i personaggi, oltre il conflitto. Sono rimasto lontano dalla linea del fronte, ma sono andato laddove le persone tentano di ricucire le loro esistenze”, ha dichiarato in conferenza stampa Gianfranco Rosi, Leone d’Oro con Sacro Gra, Orso d’Oro e Nomination agli Oscar con Fuocoammare. “In Medioriente c’è un mondo sospeso da anni, simile a quello che oggi ci terrorizza a causa della pandemia e del lockdown. Nelle pause, nei rumori, nelle distanze, nei silenzi risuonano i momenti di pace e conflitto che si susseguono in continuazione. C’è la guerra, poi un attimo di pace e quiete, infine tutti questi elementi di subbuglio si allontanano e resta l’eco dei passi, delle bombe. Il film non voleva dare delle risposte ma raccontare la quotidianità all’interno di questi confini, senza dare una collocazione geografica ma facendo in modo che diventasse una dimensione mentale, quasi astratta usando in maniera rigorosa il linguaggio del cinema per trasformarla in qualcosa di universale. In questo film ho lavorato in sottrazione, ho voluto andare verso la sintesi delle storie, senza preoccuparmi di quello che c’era prima o dopo. E’ stato difficilissimo il montaggio perchè bisognava trovare il punto in cui lasci una storia e ne agganci un’altra facendo sì che non manchi nulla allo spettatore. In questi Paesi ho conosciuto persone che mi hanno dato tantissimo e sono diventate dei compagni di viaggio. E’ stato importante poter contare sui produttori locali”.

Dopo Venezia, Notturno è stato selezionato dai tre Festival americani tra i più importanti, Toronto, Telluride e New York Film Festival, e sarà presentato anche a Londra e Tokyo.
La regia, fotografia e suono sono di Gianfranco Rosi, il montaggio di Jacopo Quadri, con la collaborazione di Fabrizio Federico.

Il film, che arriverà nei cinema il 9 settembre, è una produzione 21Uno Film – Stemal Entertainment con Rai Cinema, con Istituto Luce – Cinecittà, con il contributo di Dg Cinema e Audiovisivo – Mibact e con il supporto di Eurimages, produttore esecutivo Donatella Palermo.

di Francesca Monti

credit foto FM

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...