Cortina 2021: analisi delle favorite per il Super G femminile di martedì 9 febbraio

Dopo la falsa partenza di lunedì 8 febbraio, i Mondiali di Cortina 2021 sono pronti per partire per davvero con la prova di Super G femminile.

La specialità negli anni ci ha portato numerose soddisfazioni, anche se una medaglia d’oro manca dal lontano 1997, quando Isolde Kostner vinse sulla pista del Sestriere.

In questa stagione abbiamo ottenuto il podio in Super G con Marta Bassino e Federica Brignone in Val D’Isere e con la stessa campionessa valdostana sulle nevi svizzere di Crans Montana.

Una specialità dove abbiamo tutte le carte in regola per fare bene. Il quartetto azzurro sarà composto da Federica Brignone, Marta Bassino, Irene Curtoni e Francesca Marsaglia.

Sarà, però, difficile battere Lara Gut Behrami che in questa stagione ha ritrovato lo smalto dei tempi migliori, partendo proprio dal Super G.

CORTINA 2021 – L’ANALISI DELLE FAVORITE

Lara Gut Behrami *****

E’ la favorita numero uno della gara di Super G per diversi motivi. Innanzitutto perchè ha dominato la specialità in questa stagione e poi ha un ottimo feeling con l’Olimpia delle Tofane. Le condizioni della neve potrebbero crearle qualche grattacapo, ma la solidità che ha dimostrato durante tutta la stagione le permette di presentarsi al cancelletto con la tranquillità di chi è la più forte.

Corinne Suter ****

Lo scorso anno ha conquistato la Coppa del Mondo di specialità anche con un po’ di fortuna con un vantaggio di un solo punto nei confronti della nostra Federica Brignone. Quest’anno nelle discipline veloci ha ottenuto piazzamenti di tutto rispetto, anche se meno brillanti rispetto allo scorso anno. Il suo risultato dipenderà molto dalla tracciatura e dalle condizioni della neve, ma una medaglia è più che possibile.

Federica Brignone ****

Federica Brignone si presenta al cancelletto di partenza con la certezza di non poter puntare, almeno per quest’anno, alla coppa di specialità in Super G, disciplina nella quale ha dichiarato più volte di sentirsi a proprio agio. In stagione ha ottenuto due podi. Ha la grinta e i mezzi per poter conquistare una medaglia, anche perché nella disciplina ha un conto in sospeso proprio legato ai Mondiali…

Marta Bassino ***

Marta Bassino in stagione ha conquistato il primo podio nella specialità e si presenta in ottime condizioni di forma. Una medaglia sarebbe un riconoscimento importante e il fatto di non essere considerata tra le super favorite potrebbe aiutarla.

Tamara Tippler ***

La trentenne austriaca deve provare a non far rimpiangere le connazionali Nina Ortelieb e Nicole Schmidhofer e farà di tutto per agguantare il podio. In stagione in Super G ha ottenuto un terzo posto a Garmish e un secondo a Crans Montana. Un’atleta con una sciata potente e un potenziale tecnico notevole che potrebbero favorirla su una neve di difficile interpretazione.

Ester Ledecka ***

La campionessa originaria della Repubblica Ceca non può più essere considerata una sorpresa. Tre anni fa sorprese il mondo conquistando una insperata medaglia d’oro olimpica per poi tornare a ottenere piazzamenti di rincalzo in questa specialità in Coppa del Mondo. Quest’anno, invece, ha vinto la prima gara stagionale. La sua tranquillità e il fatto di non avere nulla da dimostrare potrebbe permetterle di gareggiare senza pressione. Poi… Ester Ledecka ci ha abituati alle sorprese!

Petra Vhlova ***

Il secondo posto, il primo in velocità, per la leader della Coppa del Mondo generale è un biglietto da visita che non si può non considerare, anche se in una specialità nella quale ancora non è tra le migliori. È, però, una campionessa assoluta e da atlete del suo calibro è lecito aspettarsi di tutto, anche un eventuale en-plein!

Mikaele Shiffrin **

La campionessa mondiale in carica non gareggia in Super G da più di un anno, ma non si può scordare che dominò la gara di Bansko, l’ultima alla quale prese parte. I problemi familiari e qualche acciacco fisico le hanno impedito di allenarsi in velocità, ma conosciamo il talento di Jer Majesty. Inoltre il primo risultato di rilievo in Super G lo ottenne sulla pista ampezzana, quando, partendo con il pettorale numero 31, conquistò un ottimo quarto posto, dimostrando per la prima volta competitività anche nelle discipline veloci.

Kajsa Vickhoff Lie **

Il secondo posto nel primo Super G di Garmish le ha tolto pressione e l’ha posta all’attenzione anche del pubblico, che ora si aspetta molto da lei, anche perchè la nazionale norvegese in generale si presenta senza grandi punte, a parte Kristoffersen per le discipline tecniche maschili. Kajsa dimostra di acquisire fiducia e solidità sugli sci gara dopo gara e l’appuntamento mondiale non può che caricarla.

Francesca Marsaglia *

Il quarto posto di Crans Montana a pochi centesimi dal podio l’hanno caricata, nonostante una prima parte di stagione non troppo costante. Francesca Marsaglia sa che a Cortina può giocarsi una chance importante e forse l’ultima occasione per portare a casa una medaglia mondiale. La concorrenza è agguerrita, ma la sorella di Matteo ha il dovere di provarci.

di Simone Zamignan

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...