Agli Europei di Budapest 2021 un’infinita Federica Pellegrini ha vinto l’argento nei 200 stile libero, Bronzo per Alberto Razzetti nei 200 misti e per la staffetta 4×100 mista mixed

Agli Europei di Budapest di nuoto, in svolgimento alla Duna Arena, Federica Pellegrini ha scritto una nuova strabiliante pagina di storia di questo sport salendo per la quinta volta in carriera sul podio continentale, conquistando l’argento nei 200 stile libero in 1’56”29, a soli due centesimi dalla ceca Barbara Seemanova, oro in 1’56”27. Bronzo per la britannica Freya Anderson in 1’56”42.

“Sapevo che sarebbe stato un rischio partecipare alla gara individuale, ma dopo le buone sensazioni percepite in staffetta abbiamo deciso di provarci, anche perché era l’ultima occasione per provare tre turni di gara in due giorni prima delle Olimpiadi, in questo caso quattro con la staffetta. Onestamente ero un po’ provata e infatti sono molto soddisfatta per come ho gestito la gara malgrado non fossi in forma come agli assoluti di Riccione. La medaglia non era affatto scontata”, ha dichiarato la Divina che nel suo palmarès vanta 55 medaglie internazionali con undici record del mondo e l’oro olimpico nei 200 a Pechino 2008.

Un’altra favolosa impresa è quella compiuta da Alberto Razzetti nei 200 misti: ottavo dopo il dorso, ha iniziato una strepitosa rimonta fino al bronzo in 1’57”25, precedendo il campione ungherese Lazlo Cseh. L’oro è andato allo spagnolo Hugo Gonzalez in 1’56”76 e l’argento allo svizzero Jeremy Desplanches in 1’57”25.

“Sono veramente contentissimo, devo realizzare ancora bene cosa mi è successo. Sognavo questo podio. Devo lavorare per migliorare la frazione a dorso, lo so benissimo e ciò mi trasmette grandi stimoli”, ha detto Razzo.

Una magnifica staffetta 4×100 mista mixed ha bissato il bronzo di Glasgow 2018 con il nuovo record italiano in 3’42”30. Margherita Panziera, Nicolò Martinenghi, Elena Di Liddo e Alessandro Miressi hanno chiuso alle spalle dei britannici Kathleen Dawson, Adam Peaty, James Guy e Anna Hopkin, oro con il record europeo di 3’38”82, e degli olandesi Kira Toussaint, Arno Kamminga, Nyls Korstanje e Femke Heemskerk, argento in 3’41”28.

“Sono sorpresa di aver fatto lo stesso tempo della semifinale, passando anche più veloce. Siamo contentissimi di questo record italiano e della medaglia”, ha detto Margherita.

“Il podio non era scontato. Prima di entrare in camera di chiamata stavamo facendo tutti i calcoli per capire come poteva andare. I tempi sono molto buoni. A me dà molta fiducia in vista del 50 rana”, ha aggiunto Martinenghi.

“E’ sempre bellissimo conquistare una medaglia. Questa è la stessa formazione di Glasgow, ad eccezione di Scozzoli che è stato sostituito da un ottimo Martinenghi”, ha dichiarato la Di Liddo.

“Siamo super contenti di questa staffetta. Il mio crono è buono, non buonissimo. Le fatiche di questi giorni si stanno facendo sentire”, ha chiosato Miressi, autore di una grande ultima frazione.

di Samuel Monti

credit foto di Andrea Staccioli / Inside – DBM

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...