Intervista con Irma Testa, bronzo nel pugilato ai Giochi di Tokyo2020: “Questa medaglia rappresenta un segnale forte per tutto il movimento pugilistico femminile italiano”

Grinta, determinazione, tecnica, eleganza e cuore: Irma Testa ha portato il pugilato italiano femminile, per la prima volta nella storia, sul podio olimpico ai Giochi di Tokyo 2020 conquistando un favoloso bronzo nella categoria -57 kg, la medaglia numero 600 dell’Italia nella storia delle Olimpiadi Estive.

La campionessa azzurra è stata sconfitta 4-1 ai punti in semifinale dalla filippina Neshty Petecio, dopo un incontro appassionante e combattuto.

Originaria di Torre Annunziata, si è avvicinata alla boxe da ragazzina grazie a sua sorella Lucia ed è stata protagonista nel 2018 del film documentario “Butterfly” di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman, coprodotto da Indyca e Rai Cinema e distribuito da Cinecittà Luce, che racconta la sua storia.

In questa intervista, che ci ha gentilmente concesso, Irma Testa ci ha parlato delle emozioni vissute a Tokyo ma anche del suo maestro Lucio Zurlo e dei prossimi obiettivi.

_TUS5035

credit FPI/ph Fabio Bozzani

Irma, partiamo dal magnifico bronzo vinto ai Giochi di Tokyo2020. Ci racconti l’emozione che hai provato in quel momento?

“Aver vinto questa medaglia è una sensazione unica, indescrivibile. Ripenso al mio percorso, a tutti i sacrifici, da dove ho iniziato a dove sono ora. È davvero magico”.

Sei stata la prima pugile italiana a salire su un podio a cinque cerchi. Cosa rappresenta questa medaglia per te?

“Rappresenta un segnale forte per tutto il movimento: le donne possono fare pugilato! Tanti avevano dubbi, noi no. Per me è un sogno, la conferma che tutti i miei sforzi sono valsi a qualcosa”.

Quanto è stata complessa la preparazione in vista dei Giochi?

“La preparazione in vista dei Giochi è stata dura, anche più del previsto. Lo stop durante il torneo di qualificazione olimpica a Londra nel 2020, in piena forma fisica, ci ha spiazzati e abbiamo dovuto ricominciare tutto da capo. Per fortuna è andato tutto bene alla fine”.

Al tuo ritorno a casa sei stata accolta da una grande festa. Ti aspettavi questo entusiasmo?

“È stato commovente ricevere tutto questo affetto dalla mia gente e mi ha fatto un immenso piacere. Avrei voluto abbracciare uno per uno tutti i presenti”.

OLIMPIADE TOKYO 2020-VORONTSOVA Liudmila-IRMA TESTA
credit FPI/ph Fabio Bozzani

Com’è nata la tua passione per la boxe?

“Mi sono approcciata alla boxe grazie a mia sorella Lucia, era la sua passione. Con lei ho un legame molto forte, è il mio punto di riferimento, il mio idolo”.

Qual è l’insegnamento più importante che ti ha trasmesso il maestro Lucio Zurlo?

“Il rispetto. Lucio Zurlo non insegna solo boxe, ma strappa i ragazzi dalla strada e insegna loro a rispettare le regole e le persone. Inoltre, mi ha insegnato a capire quali siano le cose in cui è giusto credere e a combattere per esse. Non è solo un insegnante di boxe, è un maestro di vita e meriterebbe di essere conosciuto da tutti”.

“Butterfly” è il tuo soprannome ma anche il titolo di un docufilm che racconta la tua storia. Che esperienza è stata quella cinematografica e ti piacerebbe ripeterla in futuro?

“È stata una bellissima esperienza che mi ha permesso di conoscere e collaborare con grandi professionisti. Per il futuro chi lo sa, non mi precludo nulla”.

IrmaTesta_libere da diritti per uso editoriale SOLO con credit FPI_Bozzani11

credit foto FPI/Fabio Bozzani

A Rio 2016 eri l’unica italiana in gara, a Tokyo 2020 eravate in quattro (Giordana Sorrentino, Rebecca Nicoli e Angela Carini le altre azzurre, ndr), segno che il movimento pugilistico femminile sta crescendo e che iniziano ad essere abbattuti quegli assurdi pregiudizi per cui fino a poco tempo fa la boxe era vista come sport prettamente maschile…

“Nell’immaginario collettivo la boxe è vista prettamente come uno sport maschile. Il mio impegno è di prendere a pugni questo pregiudizio, gettando i semi per allargare sempre di più tutto il movimento”.

Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

“Avevo la medaglia come grande obiettivo e sono riuscita a raggiungerlo. Ora non finisce qui. Voglio allenarmi per vincere ancora e togliermi parecchie soddisfazioni. Inoltre, voglio realizzarmi come donna in primis, essere serena e soddisfatta di me”. 

Un sogno nel cassetto…

“Ne ho uno bello grande, ma non lo dico per scaramanzia”.

di Francesca Monti

credit foto FPI/Fabio Bozzani

Grazie a Silvia Lattanzio e Mario Mereghetti di DMTC Srl

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...