Xonous & Camille Cabaltera nel singolo “SHAZAM”, in radio dal 1° ottobre

Xonous non si sa chi sia, né quanti anni abbia, né da dove venga eppure vanta già importanti collaborazioni. Ha creduto in lui Emilio Munda, produttore artistico, autore e compositore (podio due volte al Festival di Sanremo, autore per Il Volo, Francesco Renga, Michele Bravi, Nina Zilli, Nomadi, Umberto Tozzi, Valerio Scanu, Gemelli Diversi, Dear Jack e molti altri) che ha prodotto anche questo nuovo singolo, per il duo Xonous e Camille Cabaltera.

Nel videoclip il ruolo di Xonous è affidato a Simone Riccioni, attore protagonista di importanti film italiani oltre che di moltissime pubblicità per Fiat, Vodafone, Nutella. Grazie all’attore, molte parti del videoclip presentano inquadrature con una prospettiva singolare, in soggettiva, come se stessimo guardando attraverso gli occhi di Xonous. La regia è di Federica Biondi, mentre il direttore della fotografia è Jamie Robert Othieno (che ha girato video di successo tra cui Ghali, Malika Ayane, Sfera Ebbasta, Marracash, Fred De Palma).

Ha creduto nel progetto anche la famosa azienda Rollerblade che ha inviato per l’occasione i suoi migliori pattinatori tra cui la campionessa Erika Zanetti (con 54 titoli italiani, 28 europei, 2 World Games e 3 mondiali).

Shazam è un’espressione che può essere tradotta con “et voilà” o “abracadabra” e viene utilizzata da Xonous per raggiungere la sua amata, la sua “Dame” come dice nel testo della canzone.

La figura femminile, rappresentata da Camille Cabaltera, oltre a simboleggiare la “Dame” di Xonous, impersonifica la canzone stessa che è appena uscita (Shazam per l’appunto), per questo il testo in modo parallelo è inteso anche come l’amore che lega l’artista ad un’opera: Xonous non riesce a staccarsi da questa canzone che gli rimane in testa e lo spinge a raggiungerla.

Citando la parte dello special “Non potrei dimenticarti, riappariresti appena chiudo gli occhi, ogni tua frase è un adesivo che non si stacca mai” rafforza il concept di tutta la canzone che gioca su questo doppio senso.

Il brano può acquisire un significato e un punto di vista ulteriore, pensando anche alla famosa applicazione per smartphone chiamata “Shazam” che permette di raggiungere una canzone ascoltandola per scoprirne tutte le informazioni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...