Venerdì 29 aprile esce “Veronica”, il nuovo progetto discografico di Bianca Atzei: “Volevo che in questo album uscisse la parte più intima e interiore di me”

Venerdì 29 aprile esce “Veronica” (Apollo Records), il nuovo progetto discografico di Bianca Atzei che si compone di undici tracce ed è impreziosito dalle collaborazioni con Arisa, Boss Doms, Briga, Ciao Sono Vale, Cristiano Malgioglio, Danti, J-Ax, Kekko Silvestre, Legno, Seryo, Virginio.

Nel disco l’artista con la sua straordinaria voce percorre una direzione inedita, rappresentata in modo emblematico dal titolo stesso, “Veronica”, il suo nome di battesimo. L’album racconta, infatti, la vera anima ed essenza della cantante milanese di origini sarde, la parte più forte e autentica di sé, con ritrovata consapevolezza e libertà. Non a caso, la copertina raffigura l’artista da bambina, sottolineando come questo nuovo viaggio non sia solo artistico, ma anche fortemente personale.

“Sentivo il bisogno di cambiare qualcosa dentro di me e mi sono resa conto che Veronica ha sempre dato molta forza a Bianca, che senza di lei forse non ci sarebbe stata. Non riuscivo a capire perchè Bianca fosse felice quando canta, quando sta sul palco mentre quando scende non sta più bene e subentra Veronica. Ho voluto tornare a quello che sono veramente, alla mia essenza, alle mie origini, era un cambiamento in positivo per me che mi poteva dare forza. Volevo che in questo album uscisse Veronica, cioè la parte più intima e interiore di me”, ha esordito la cantautrice in un incontro con la stampa in cui ha presentato live tre brani del disco.

279378629_10227529449685145_65379082983901529_n

credit foto FM

“Veronica” è un disco ricco di duetti: “Alcune collaborazioni sono nate per caso, ad esempio quella con Arisa. Ero in un hotel a Milano, stavo mangiando e lei è entrata perchè cercava l’ombra per i suoi cagnolini, ci siamo salutate, abbiamo iniziato a parlare e le ho raccontato l’idea dell’album e lei mi ha detto che era disponibile per un featuring. Non mi sono lasciata sfuggire l’occasione. J-Ax invece è un amico da sempre e ha accettato con entusiasmo. “Chanel” è stata scritta dai Legno, e ho voluto appositamente metterla come prima traccia perchè ha un impatto forte e mi ha fatto impazzire subito questo loro modo di scrivere più moderno e libero. Non riesco a fare le cose a tavolino. Ogni brano ha qualcosa che mi tocca dentro. Si passa da pezzi neomelodici a quelli indie ad altri più divertenti come “Siamo tutte uguali” con Cristiano Malgioglio. Parlo dell’amore nelle sue sfumature, della vita in generale e spero che esca soprattutto la forza. C’è un duetto che non si è concretizzato ma spero si possa fare in futuro, quello con Alessandra Amoroso che è una persona stupenda e mi è stata molto vicina in un momento particolare della mia vita. Il featuring dei sogni? Cantare con Mina”.

“Veronica” custodisce la voglia dell’artista di rinnovarsi e contaminare il proprio stile, scoprendo nuovi lati di sé e spaziando tra diverse sonorità: “Il pensiero di rimanere indietro mi devastava e ho voluto fortemente cambiare qualcosa, ho iniziato ad ascoltare musica diversa dal passato, come Ariete che mi piace molto, a sperimentare perchè avevo bisogno di cambiare, perchè non stavo bene con me stessa. Volevo che si percepisse anche il lavoro che sto facendo da un anno e mezzo per questo album. Col tempo ho preso consapevolezza di tante cose, mi sento libera di poter scegliere, decidere, di scrivere canzoni e sentirle veramente mie e non vedo l’ora che arrivino nelle case di tutti”.

Giovedì 28 aprile Bianca Atzei porterà i brani che compongono l’album sul palco del Blue Note di Milano per un doppio speciale live di presentazione. Il primo spettacolo si terrà alle 20.30, mentre il secondo alle 22.30. Due concerti unici, raffinati e intimi, grazie ai quali l’artista porterà lo spettatore all’interno del suo nuovo viaggio artistico e personale: “Voglio stancarmi di live perchè ho bisogno del contatto con le persone, di guardarle in faccia, di vederle cantare le mie canzoni, di divertirmi con la band. Porterò i brani del passato riarrangiati con lo stile di “Veronica”, oltre ovviamente a quelli nuovi”.

L’artista incontrerà i fan durante le tappe del suo instore che toccheranno le principali città italiane:

Giovedì 5 maggio 2022 ore 18.00 – Firenze – Libreria RED laFeltrinelli, Piazza della Repubblica

Martedì 10 maggio 2022 ore 18.00 – Bologna – Libreria laFeltrinelli, Piazza Ravegnana

Lunedì 16 maggio 2022 ore 18.30 – Milano – Libreria RED laFeltrinelli, Piazza Gae Aulenti

Venerdì 3 giugno 2022 ore 18.00 – Bari – Libreria laFeltrinelli, Via Melo

Mercoledì 8 giugno ore 18:00 – Genova – Libreria laFeltrinelli, Via Ceccardi

image (16)

Il disco “Veronica” track by track: 

L’album si apre con “Chanel”, un pezzo caldo e avvolgente, che racconta una di quelle storie d’amore tormentate, che fanno star male perché si vorrebbe disperatamente di più, senza ottenerlo. E ci si ritrova la notte davanti a un bicchiere di vino oppure al mattino, annebbiate d’amore e piene di domande, a riflettere sul vuoto che rimane dentro.

Segue ““John Travolta” feat. Legno, brano in cui la cantautrice incontra il duo indie dall’identità nascosta, disegnando una nuova dimensione musicale per se stessa e abbattendo i confini tra i generi musicali. Il testo è ricco di riferimenti al mondo del cinema e dello spettacolo e narra di un rapporto ormai al capolinea.

In “Collisioni” feat. Virginio, invece, le atmosfere sono intime e intense e le voci dei due cantanti si “abbracciano” e si intrecciano per raccontare quelle storie d’amore che quando iniziano hanno già il sapore della fine. Quelle in cui non ci sono mezze misure, a volte arrivi a toccare il cielo e l’attimo dopo sei fuori. È come sfiorarsi continuamente senza mai collisione e i ricordi sono quello che ci rimane, la nostra parte più segreta e nascosta, anche se a volte non siamo riusciti a viverli.

La quarta traccia è “Le Stelle” feat. Arisa in cui il timbro graffiante di Bianca incontra la voce cristallina di Arisa, creando un suggestivo contrasto. Un’ escalation capace di esprimere la grandezza di un sentimento a pieni polmoni, spingendo fuori tutto ciò che il cuore desidera dire.

Il brano successivo è “Videogames” feat. Ciao Sono Vale & Danti, sensuale ed ironico allo stesso tempo, che racconta una storia d’amore, complicata e passionale, che si è interrotta. Un dialogo con sé stessi e con l’altro, un viaggio introspettivo, ma anche un guardarsi “da fuori”, come in un videogioco, cercando di “percepirsi” anche attraverso l’altra persona. Un’analisi sulle proprie fragilità emotive e sulle proprie colpe per la fine della relazione.

A seguire “Fotogrammi” feat. J-Ax, impreziosito dalla presenza del rapper milanese. Il pezzo, dalle sonorità romantiche e seducenti, è un dialogo tra i protagonisti di un amore improvviso e travolgente, ma dalle dinamiche difficili, sbagliate, sempre fuori luogo e fuori tempo.

“La Televisione” feat. Briga, che vede il contributo del giovane rapper romano, è una traccia leggera e sarcastica che ironizza sui nostri tempi, sulla superficialità che spesso contraddistingue le persone e sul “vuoto” di contenuti che fa ormai parte delle nostre vite.

Il brano “Sei la mia città” è, invece, caratterizzato da un sound malinconico con un beat sinuoso, moderno e incalzante. Una dedica a una persona importante, che rappresenta un “porto sicuro” per la protagonista. Una persona per cui lei prova una forte e irresistibile attrazione, che lei ricerca ovunque vada e da cui ha sempre bisogno di ritornare per “ritrovare” se stessa.

Segue “Straniero” in collaborazione con Boss Doms e Seryo, una traccia che contiene un mix di grinta, sensualità e spensieratezza, che trasmette la voglia di evadere dalla quotidianità della città per fuggire via con qualcuno di speciale. L’oasi felice in cui rifugiarsi non può che essere la città costiera di Alghero, che richiama alla memoria la celebre canzone di Giuni Russo.

Il pezzo successivo è “Siamo tutte uguali” feat. Cristiano Malgioglio, disarmante e irriverente, nato per gioco, che prende simpaticamente in giro le donne e il debole per lo stereotipo dell’uomo “bello e impossibile”.

L’album si chiude con “Ora esisti solo tu” feat. Kekko Silvestre, presentato da Bianca in occasione della 67ª edizione del Festival di Sanremo e che nel disco vede la speciale partecipazione del frontman dei Modà. La canzone racconta due storie d’amore, una che finisce e una che inizia. Una è più sofferta, l’altra più leggera e felice, che potrà dare alla protagonista la stabilità e l’equilibrio che cerca. Un cerchio che si apre e si chiude sulla carriera di Bianca. Non poteva mancare, infatti, la collaborazione con Kekko, da sempre amico e collega dell’artista, che fa da trait d’union tra passato e presente.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...