A Luc Merenda il Premio Mangiacinema – Creatore di sogni

È stato uno degli attori simbolo del cinema italiano degli anni Settanta, vera e propria icona del poliziottesco. A 33 anni dal suo ultimo film per il grande schermo («’O re» diretto da Luigi Magni nel 1989), torna ora, come protagonista, nel nuovo noir di Francesco Barilli “Il paese del melodramma”, dove, insieme a Luca Magri, reciterà a partire dal prossimo 16 maggio, giorno del primo ciak.
Luc Merenda è tra gli attesi protagonisti della nona edizione di Mangiacinema – Festa del cibo d’autore e del cinema goloso, che si terrà a San Secondo Parmense dal 9 al 19 giugno. L’attore francese domenica 19 giugno, al Museo Coppini, riceverà il Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni durante uno speciale evento sulla sua carriera e sulla lavorazione de “Il paese del melodramma”, condotto dal direttore artistico Gianluigi Negri. A premiare Merenda, nella giornata di chiusura del Festival, saranno gli stessi Barilli e Magri.

FOTOROMANZI, CINEMA E ANTIQUARIATO IN  OLTRE CINQUANT’ANNI DI CARRIERA
Prima di esordire sul grande schermo nel 1970 in “OSS 117 prend des vacanses” di Pierre Kalfon, Merenda ha lavorato come modello nei fotoromanzi. Al cinema lo hanno diretto, tra gli altri, Marcel Carnè, Terence Young, Ugo Tognazzi, Tinto Brass, Samuel Fuller. Ha lasciato un’impronta indelebile nel poliziottesco con cult di Sergio Martino (Premio Mangiacinema – Creatore di Sogni 2020) come “Milano trema: la polizia vuole giustizia” e “La polizia accusa: il servizio segreto uccide” e di Fernando Di Leo come “Il poliziotto è marcio”.
Barilli, che lo ha fatto tornare sul set dopo un lungo periodo in cui si era dedicato all’antiquariato, lo aveva già diretto nell’horror “Pensione paura” (1978). Eli Roth lo ha voluto in un cameo nel suo “Hostel: Part II” (2007), prodotto da Tarantino.

LE LOCATION, LE MANGIASTORIE E LE DEGUSTAZIONI GRATUITE
Il Festival, che omaggia in questa edizione Giovannino Guareschi, si svolgerà nello splendido Museo Agorà Orsi Coppini e negli spazi comunali della straordinaria e quattrocentesca Rocca dei Rossi. Tutti gli eventi saranno a ingresso libero.
Da quest’anno Mangiacinema inaugura la sezione Le Mangiastorie, curata da Sandro Piovani, giornalista della Gazzetta di Parma e responsabile dell’inserto “Gusto”. Ogni Mangiastoria si chiuderà con una degustazione gratuita.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...