BARDOLINO FILM FESTIVAL: Il 17 giugno Premio alla Carriera a Milena Vukotic

Volto noto del grande e del piccolo schermo, amata dal cinema d’autore quanto da quello popolare, Milena Vukotic ha interpretato personaggi iconici come Pina Fantozzi al fianco di Paolo Villaggio o nonna Enrica nella serie Rai Un medico in famiglia insieme a Lino Banfi. Ma la carriera di questa grande attrice ha in realtà attraversato anche la danza e il teatro, oltre che la televisione e il cinema, dove Milena Vukotic ha collaborato con alcuni dei più grandi maestri del nostro tempo: da Fellini a Buñuel, da Scola a Antonioni a Tarkovskij, e poi ancora Zeffirelli, Monicelli, Verdone, Ozpetek e molti altri.

In virtù di questo percorso costellato di successi che l’hanno resa un personaggio amato dal grande pubblico, il Bardolino Film Festival ha voluto celebrare Milena Vukotic con il Premio alla Carriera, che sarà consegnato all’attrice nel corso della serata di venerdì 17 giugno nella splendida cornice della storica Villa Carrara Bottagisio (ore 21.00).
L’omaggio a Milena Vukotic proseguirà con un vero e proprio cult della nostra cinematografia, Fantozzi va in pensione di Neri Parenti, la cui proiezione sarà preceduta da un incontro con l’attrice moderato da Franco Dassisti, direttore del BFF.

Tante le proiezioni dei film in concorso, che per la giornata di venerdì offrono uno spaccato molto particolare su alcune tradizioni “ancestrali” con Sacro moderno di Lorenzo Pallotta e La guaritrice Pomak di Ignazio Mascia, ma anche una riflessione su una tematica ambientale molto discussa in questi anni ovvero l’estinzione delle api con Earth: muted di Mikael Kristersson, Ǻsa Ekman e Oscar Hedin (ore 16.00, Cinema Corallo).
Tra i cortometraggi in concorso, la saga della Bernardi Marmi ne Il disordine del mosaico di Vittoria Rizzardi Penalosa, l’incredibile storia di un bambino che si rifiuta di nascere ne Il mai nato di Tania Innamorati e Gregory J. Rossi, il racconto postapocalittico di Reduction di Anna Szakály, la lotta contro l’isolamento in Fetch di Sam Gil (ore 14.30, Cinema Corallo) e Dajla: cine y olvido di Arturo Dueñas Herrero (ore 21.00, Arena Mirabello) in cui il cinema irrompe nella vita di un campo profughi a sud dell’Algeria.

A completare il programma gli aperitivi letterari moderati da Chiara Pizzimenti (dalle ore 17.00, Chiostro del Comune) con Rosetta Spinelli e il suo Nessuno ha un cuore perfetto (Edizioni Convalle) e Anna Martellato con Il nido delle cicale (Giunti).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...