BUON COMPLEANNO MIMI’: Intervista con Luisa Corna

Luisa Corna ha condotto con Vanessa Grey l’ottava edizione di “Buon Compleanno Mimì”, evento dedicato all’indimenticabile Mia Martini, che si è tenuto il 24 settembre al Teatro Manzoni di Milano.

Cantante, conduttrice ed attrice, nel 2021 ha pubblicato il suo nuovo disco “Le cose vere”, composto da dieci brani in cui ha voluto celebrare la musica, la sua più grande passione.

A margine di “Buon Compleanno Mimì” abbiamo realizzato un’intervista con Luisa Corna, parlando con lei dell’album ma anche dei prossimi progetti.

Luisa, cosa rappresenta per te Mia Martini?

“Mi fa piacere il fatto che questa grandissima artista possa essere conosciuta da più generazioni perchè oggi sembra che tutto sia così veloce e che in poco tempo si dimentichi ogni cosa, invece Mimì è tornata e infatti abbiamo iniziato la serata con il brano “Sono tornata”, perchè anche noi abbiamo fatto ritorno, dopo due anni di assenza per il covid, con questo evento. Non ho mai conosciuto Mimì ma da diversi anni sono al timone di questa manifestazione e tramite gli occhi e le parole delle sue sorelle Leda e Olivia e della nipote Manuela mi sono avvicinata a lei”.

Cosa ti ha più colpito di questa immensa artista?

“L’ironia che aveva, mentre magari ascoltando le sue canzoni esce di più l’intensità, la drammaticità, una vita sofferente come è sempre stata descritta, perchè professionalmente Mimì ha avuto molto ma le è stato tolto anche tanto. Ha avuto poi la rinascita con “Almeno tu nell’universo” al Festival di Sanremo nel 1989. Scoprire che fosse una donna divertente e ironica mi ha fatto piacere”.

Sul palco del Manzoni hai cantato una sua splendida canzone scritta per lei da un altro grande artista, Mango…

“Ho avuto l’onore di cantare “Se mi sfiori”, scritto da Mango per Mimì ed è stato un doppio omaggio, a questo straordinario artista e a Mia, che si erano incontrati in questa bellissima canzone”.

Nel 2021 è uscito il tuo nuovo disco “Le cose vere” che contiene anche un brano di Mia Martini…

“Mia aveva provinato “Col tempo imparerò” pensando di inserirla in un disco futuro, purtroppo non fece in tempo e questo brano rimase nei cassetti dei vari produttori. Dieci anni dopo uscì in una raccolta. Leda Martini ed Enzo Adriani mi fecero ascoltare questa canzone, la cantai in una serata di Buon compleanno Mimì e ho deciso di inserirla in questo album. E’ un brano così femminile, parla di noi donne, di quando non riusciamo a raggiungere la nostra identità, parla di maternità mancata, di questo grande amore che non si è mai concretizzato nella vita. A volte amiamo uomini che ci sfuggono, pensando di poterli cambiare e invece non c’è niente da cambiare. “Col tempo imparerò” mi ha avvicinato a Mimì nel modo di essere. Nel disco c’è anche la collaborazione con Sananda Maitreya, grande artista americano, con cui ho riproposto la sua storica Delicate e I don’t know how to love, brano che fa parte del musical Jesus Christ Superstar”.

Quali sono le cose vere che ti rappresentano?

“Le cose vere sono quelle che restano, che non passano, quindi la musica, l’affetto, l’amore, la passione per questa arte e cercare di essere coerente con me stessa”.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

“Sto ascoltando dei brani, poi metto sempre mano anche alla parte autorale. Infatti o un pezzo è fatto per te e quindi ti rappresenta, altrimenti scrivere un testo mi identifica di più”.

di Francesca Monti

Rispondi