A SORI (GE) BEST SELLER TEATRALI E VIAGGI IN TUTTA EUROPA

Prende il via l’ottava stagione organizzata da Teatro Pubblico Ligure con la direzione artistica di Sergio Maifredi al Teatro Comunale di Sori, lo splendido borgo marino della riviera genovese diventato nel corso degli anni punto di riferimento per il pubblico di tutto il levante ligure e non solo. In cartellone, tra il 27 ottobre e il 18 maggio, artisti, scrittori e studiosi come Vittorio Franceschi – che apre il programma giovedì 27 ottobre con la prima nazionale del suo “Spostamenti improvvisi” – il chitarrista Beppe Gambetta con l’attore e musicista Andrea Nicolini in “Dichiarazioni d’amore. Storie di un domatore di note” (7 novembre), David Riondino e Dario Vergassola in “La traviata delle camelie” (14 dicembre), Massimo Minella (giornalista e scrittore) in “Sister Blandina” (12 gennaio), Marco Baliani con il suo “Kohlhaas” (23 febbraio), “La lettera” di Paolo Nani, cavallo di battaglia trentennale (9 marzo) e “Il grande racconto del labirinto” con Arianna Scommegna e lo storico Giorgio Ieranò.

Ma Sori non è solo un punto di arrivo, è anche un punto di partenza. Da anni Teatro Pubblico Ligure viaggia con i suoi spettatori in Europa per conoscere il lavoro dei più grandi registi, da Thomas Ostermeier a Berlino ad Arianne Mnouchkine a Losanna. Quest’anno l’iniziativa diventa sistema e prende il nome di “Grand Tour” e coinvolgerà anche il pubblico di Narni Città Teatro. La prima tappa sarà il 15 novembre a Parigi per vedere il nuovo spettacolo di Bartabas con il suo Théâtre Zingaro nel Fort di Aubervilliers, “Cabaret de l’exil. Irish Travellers”. Meta successiva sarà il Dramaten di Stoccolma e altre ne seguiranno, fino a definire una vera e propria stagione teatrale europea.

Tra gli spettacoli in scena a Sori ci saranno tre nuove produzioni con la regia di Sergio Maifredi. La prima è “La traviata delle camelie. Margherita e Violetta: donne sull’orlo di una crisi respiratoria” con David Riondino e Dario Vergassola (14 dicembre), in scena con il soprano Li Beibei, Fabio Battistelli al clarinetto, Angela Tomei al violino, Riviera Lazeri al violoncello, per compiere un viaggio attraverso musica e letteratura da Dumas a Verdi. Il secondo è “Il grande racconto del labirinto” (18 maggio) che porta sulla scena una coppia inedita formata da una delle più stimate attrici italiane, Arianna Scommegna, e da un grecista come Giorgio Ieranò, docente all’Università di Trento, con cui il mondo antico riprende vita in un racconto avvincente. Saranno loro a condurre gli spettatori dentro al labirinto, portandoli sicuri all’uscita dopo avere incontrato Arianna, il Minotauro, Teseo, Pasifae, Fedra ed Europa. La terza è “Sister Blandina. Le avventure di una suora nel Far West” (12 gennaio), tratto da un nuovo racconto scritto da Daniela Suzzi con Massimo Minella, anche in scena con l’inseparabile Franco Piccolo all’armonica e alla fisarmonica. Il racconto porta alla conoscenza una storia dimenticata, quella di Maria Rosa Segale. Nata a Cicagna, a 4 anni sale con la sua famiglia su un piroscafo diretto negli Stati Uniti, dove a 22 anni diventa Suor Blandina, si mette in viaggio da sola verso il West sempre al servizio delle minoranze, fra le prime a porre la questione dei nativi americani.

Completano la stagione i cinque appuntamenti di “Far ridere è una cosa seria”, incontri con la scrittrice Barbara Fiorio dedicati alla grande letteratura ironica, e la quarta edizione del progetto “Teatralità dell’arte”, di Massimo Minella e Sergio Maifredi, che quest’anno si intitola “La città cancellata, la città mai nata, la città del futuro”, in programma tra febbraio e maggio 2023 in luoghi fuori dalle rotte abituali e con ospiti di rilievo del panorama nazionale.

La stagione è sostenuta da Teatro Pubblico Ligure con il contributo del Comune di Sori, in collaborazione con Pro Loco di Sori.

Rispondi