I Pinguini Tattici Nucleari presentano “Fake News: “E’ un album vero e autoreferenziale”

Si intitola “Fake News” (Columbia Records/Sony Music Italy) il nuovo disco dei Pinguini Tattici Nucleari, che raccoglie in 14 brani gli ultimi due anni della band multiplatino e che è stato anticipato dai singoli Giovani Wannabe e Ricordi.

“L’idea di dare questo titolo all’album è nata quest’estate, eravamo a Cattolica e parlavamo tra noi di fake news e di come possano influenzare la vita. Hanno un fascino incredibile. A differenza della verità, che è una sola, le fake news sono infinite e in taluni casi possono condizionare la realtà e non ci sappiamo ancora difendere. Tutti possiamo esserne preda. La consapevolezza è la cosa più importante. Ogni cosa che raccontiamo può avere delle conseguenze. Anche una canzone. “Ricordi” ad esempio nasce da un articolo che ho letto riguardante un farmaco che sembra dare speranza alle persone malate. Prima di scrivere il testo ho chiamato un neurochirurgo e mi sono confrontato con lui”, ha esordito Riccardo Zanotti in conferenza stampa.

E proprio il frontman della band la scorsa estate è stato al centro di una fake news, infatti si è diffusa la voce che avrebbe lasciato il gruppo per proseguire la carriera da solista: “Quel momento è stato molto brutto. Ero in vacanza con la mia fidanzata e ho dovuto rispondere a tutti per spiegare che erano falsità. Lì ho pensato che chiamare Fake News l’album fosse azzeccato, è anche un rito apotropaico, come se volessimo allontanare la finzione”.

Tra le tracce ci sono brani che affrontano il tema della solitudine come “Hikikomori”, che racconta come una coppia ha vissuto l’isolamento durante la pandemia: “Ci sembrava ipocrita non parlare del periodo pandemico che ci ha fatto sentire soli, in quanto non potevamo mettere solo canzoni d’amore, difettando così dalla verità di un album che si chiama Fake News. Il modo per uscire dall’isolamento umano è andare verso un mondo più comunitario, stando a contatto con gli altri. La soluzione è stare insieme ma è anche il problema se diventa competizione con chi ti sta accanto. Per noi è fondamentale fare squadra. In un mondo in cui le band stanno scomparendo portiamo avanti questo stendardo”.

Fake-News-Pinguini-Tattici-Nucleari

“Fake News” ha necessitato di una lavorazione molto lunga: “Volevamo fare un album vero e autoreferenziale, come ad esempio la prima canzone, “Zen”, che parla delle difficoltà di fare questo mestiere perché a volte la pressione può schiacciarti, anche se siamo dei privilegiati. La prima stesura del progetto risale a un anno e mezzo fa. E’ un album difficile, che ha richiesto molto tempo, maturo ma non marcio. Vogliamo essere una panta-band sempre in evoluzione. Abbiamo passato tanto tempo in studio, anche perché a causa della pandemia in certi periodi non era possibile vedersi in sala prove. Siamo orgogliosi di “Fake News” perché è ampio, con pezzi che strizzano l’occhio ad un modo di fare musica diverso, alcuni hanno sonorità più moderne, altri sono cantautorali per raccontare almeno uno sprazzo di quello che è la società contemporanea e la nostra generazione, come cresce e affronta gli ostacoli della vita. Penso ad esempio al brano “Cena di classe””, ha detto il tastierista Elio Biffi.

“In “Fake News” c’è il pop ma anche più rock rispetto all’ultimo Ep. Proviamo a fare la miglior canzone possibile, perchè ci rendiamo conto che man mano che passa il tempo la nostra musica arriverà sempre a più persone”, ha aggiunto il chitarrista Lorenzo Pasini.

316812520_10228964701365540_3063784766850351099_n

credit foto FM

La band ha spiegato quanto il rapporto con il pubblico sia importante: “Nel pop ci sono degli spazi da riempire per ogni generazione e noi ne riempiamo uno che oggi non è così solcato e frequentato. Non so se potremmo definirci generazionali ma siamo differenti rispetto ad altri, il nostro obiettivo è rimanere nel tempo al di là delle classifiche. Certamente dobbiamo dimostrare ancora molto. Noi siamo in qualche modo vicini alle persone. Se una canzone è all’interno del disco deve arrivare alla gente, non viviamo in una sorta di bolla. Il nostro pop è mainstream ma al contempo quasi di nicchia. Le aspettative delle persone un po’ ci spaventano. Per noi il pubblico è sempre stato fondamentale e cerchiamo di creare engagement. Fare uno stadio o più situazioni di questo tipo ci carica di responsabilità ma ci apre anche ad un pubblico più grande. Siamo onorati e contenti per questo. Veniamo da Bergamo, da un contesto in cui è importante l’etica del lavoro, il divismo è alieno a noi e alla nostra terra”.

“Fake News” sarà presentato live con un tour di dieci date negli stadi nel 2023, dopo i sold out istantanei all’Olimpico di Roma e a San Siro a Milano:Non ci aspettavamo di fare un tour del genere, di conseguenza stiamo costruendo delle idee che possano portare il live ad essere un’esperienza quasi narrativa. Abbiamo fatto un pezzo che si chiama Dentista Croazia, quel furgone esiste ancora e magari potremmo partire da lì per raccontare il nostro percorso. Vogliamo dare un’anima alle cose, per “Ringo Starr” pensiamo alla DeLorean, per “Cena di classe” ad un momento in cui ci riuniamo intorno ad un tavolo e si fa riferimento ai ricordi del passato, a quello che è stato e che sarà, come in “Quattro amici” di Gino Paoli”, ha concluso Riccardo Zanotti.

In occasione dell’uscita del nuovo album, è stata organizzata una vera e propria mostra aperta al pubblico in collaborazione con Spotify (dal 2 al 4 dicembre presso Ride Milano, Via Valenza 2), un’esperienza immersiva in cui l’allestimento di ciascuna sala racconterà un brano dell’album.

Sarà possibile incontrare la band per il firmacopie durante gli appuntamenti instore con Feltrinelli:

01.12.22 Daste, via Daste e Spalenga 13, Bergamo _ dalle ore 18.00
05.12.22 UCI Cinema Torino Lingotto, via Nizza 262, Torino _ dalle ore 18.00
06.12.22 Galleria Acquaderni, Bologna _ dalle ore 18.00
07.12.22 Via Appia Nuova 427, Feltrinelli Roma _ dalle ore 19.00

Queste le date del tour negli stadi 2023:

07.07.2023 – VENEZIA PARCO SAN GIULIANO MESTRE – DATA ZERO
11.07.2023 – MILANO STADIO SAN SIRO – SOLD OUT
12.07.2023 – MILANO STADIO SAN SIRO – NUOVA DATA
15.07.2023 – FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI – NUOVA DATA
19.07.2023 – TORINO STADIO OLIMPICO – NUOVA DATA
23.07.2023 – ROMA STADIO OLIMPICO – SOLD OUT
24.07.2023 –  ROMA STADIO OLIMPICO – NUOVA DATA
27.07.2023 – BARI STADIO SAN NICOLA – NUOVA DATA
30.07.2023 – MESSINA STADIO SAN FILIPPO – NUOVA DATA
13.08.2023 – OLBIA RED VALLEY FESTIVAL – NUOVA DATA

di Francesca Monti

Rispondi