Flux Festival Lituano delle arti, in programma a Roma fino al 15 maggio, entra nel vivo: dall’8 al 10 maggio la Capitale ospita i massimi esponenti della scena culturale lituana

Dopo l’inaugurazione con protagonisti come il video artista Deimantas Narkevičius, e la direttrice d’orchestra Mirga Gražinytė-Tyla, Flux Festival Lituano delle arti, in programma a Roma fino al 15 maggio, entra nel vivo: dall’8 al 10 maggio la Capitale ospita i massimi esponenti della scena culturale lituana, come il regista teatrale Eimuntas Nekrošius che insieme alla sua compagnia Meno Fortas, il 10 maggio all’Auditorium Parco della Musica metterà in scena  Franz Kafka: Un digiunatore, e il padre del cinema sperimentale Jonas Mekas, che sempre Il 10 maggio in collegamento Skype da Brooklyn introdurrà  quattro dei suoi più importanti cortometraggi.

 A questi due grandi nomi si aggiungono la straordinaria Opera Buona Giornata, l’8 maggio al Teatro Argentina, e il travolgente spettacolo di danza urbana Fine dei giochi il 9 maggio all’Auditorium Parco della Musica.

 Le giovanissime e pluripremiate Vaiva Grainytė, Lina Lapelytė e Rugilė Barzdžiukaitė, arrivano per la prima volta in Italia, l’8 maggio sul palco del Teatro Argentina, insieme alla compagnia Operomanija di Vilnius,  dopo aver riscosso grandi consensi di pubblico e critica in tutto il mondo, per mettere in scena l’opera Buona giornata! (Have a Good Day!). “Uno spettacolo intelligente, affascinante e silenziosamente sovversivo”, ha decretato il New York Times. Un’opera contemporanea dove la frase “buona giornata” insieme al bip dello scanner di cassa, è il suono che scandisce le giornate di 10 cassiere di un generico supermercato, protagoniste dello spettacolo. Ognuna con una storia diversa alle spalle, ognuna identica alla sua vicina, dietro al meccanico e ripetuto gesto per giocare, senza morale, sul fascino morboso degli acquisti.

Guarda il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=F5T8q5w_syo&feature=youtu.be

 L’impetuosa compagnia  di danza urbana LOW AIR / Teatro danza della città di Vilnius porta il 9 maggio sul palco dell’Auditorium Parco della Musica Fine dei giochi (Game Over), visionaria e magica  performance che mescola  arti visive e street dance, in  un elogio della fantasia come soluzione per affrontare i problemi della vita quotidiana. Lo spettacolo è ispirato al lavoro dello scrittore Julio Cortàzar, ideatore di regole di gioco basate sull’uso dell’immaginazione.

La performance ruota dunque intorno alla prospettiva del gioco, invitando gli spettatori a fare da testimoni al collidere di sogno e realtà. Finzione e magia sono attraversate da sentimenti sottili, che diventano inevitabilmente elementi d’azione come di contemplazione.

Guarda il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=CVbBKtscgg4

Due gli appuntamenti imperdibili giovedì 10 maggio all’Auditorium Parco della Musica: alle 19.00 allo Studio 3 Jonas Mekas, ultranovantenne poeta e filmmaker lituano, fondatore del New American Cinema Group negli anni ’60, sarà in collegamento Skype da Brooklyn con il duo di curatori Francesco Urbano Ragazzi con un incontro a ingresso libero dal titolo Questo lato del paradiso per introdurre quattro dei suoi folgoranti cortometraggi, in visione subito dopo, sulla sua esperienza di rifugiato a New York: scene dalla vita di Andy Warhol, Yoko Ono, John Lennon, Jackie Kennedy e George Maciunas si susseguono in un caleidoscopico diario visivo accompagnato dalle riflessioni dell’artista sulla felicità e l’amicizia. In primo piano il fermento culturale di Fluxus e della Factory di cui Mekas è stato protagonista e testimone, sullo sfondo la condizione solitaria di un esule sopravvissuto alla Seconda Guerra Mondiale. La colonna sonora spazia da Monteverdi ai Velvet Underground. Ingresso libero.

Più tardi, alle 21.00 in Sala Petrassi Eimuntas Nekrošius, massimo esponente del teatro lituano, dirigerà la compagnia Meno Fortas inFranz Kafka: Un digiunatore.

Un digiunatore – uno degli ultimi racconti di Franz Kafka – riassume i principi etici ed estetici dello scrittore praghese e la sua prospettiva esistenziale. È la storia di un artista che grazie ai suoi digiuni prolungati riesce ad attirare l’ammirazione di folle di spettatori. Tuttavia, nonostante avesse raggiunto l’apice della fama, quello che una volta era stato l’insuperabile «Maestro Digiunatore», si trova a morire solo e dimenticato da tutti. Un digiunatore, come gli altri racconti dello scrittore, è una narrazione in soggettiva che riflette le profondità più recondite dell’inconscio del protagonista. Lo spettacolo di Eimuntas Nekrošius è il risultato di un lavoro d’improvvisazione. Il regista, particolarmente esigente e attento al testo e ai suoi concetti, riesce a proiettare gli attori direttamente nel cuore del dramma e a tradurlo in un linguaggio teatrale diretto e suggestivo. Allo spettatore è offerta così la possibilità non tanto di comprendere, quanto di sentire sulla propria pelle i turbamenti interiori dell’artista stesso nel momento del successo: costretto a combattere con gli spettatori per difendere le proprie idee e con gli impresari che lo manipolano. Lo spettacolo di Nekrošius – come il racconto di Kafka – è infuso di autoironia, di un umorismo sottile e colto che non può non far sorridere lo spettatore.

 Il Festival Flux ha ottenuto l’Alto Patronato congiunto del Presidente della Repubblica di Lituania e l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana. Inoltre è finanziato dal Ministero della Cultura della Repubblica lituana, organizzato da Fondazione Musica per Roma e Istituto di Cultura Lituana, in collaborazione con Comune di Roma e Zètema Progetto Cultura, Ambasciata della Repubblica di Lituania nella Repubblica Italiana, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, MAXXI Museo Nazionale delle arti del xxi secolo, Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Dipartimento del Turismo della Lituania , Commissione Nazionale Lituana per l‘UNESCO, CAC – Centro di Arte Contemporanea (Lituania), LOW AIR / Teatro danza della città di Vilnius, Associazione Fotografi Lituani Dipartimento di Kaunas, Centro di Fotografia Vitas Luckus, OKT / Teatro della città di Vilnius, Opreomanija, Meno Fortas teatro, Palazzo Braschi, Museo di Scultura antica Giovanni Barracco e con la media partenership di Rai Radio3.

Buona Giornata! foto di Rugile Barzdziukaite

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...