Stasera a SPECIALE TG1: Ragazzi dentro di Maria Grazia Mazzola

È una nuova emergenza italiana: l’esplosione di violenza e nichilismo dei giovanissimi con le baby gang e i  baby boss. I ragazzi raccontano: “Dietro le mafie o il carcere o la morte”. In Italia un giovane su quattro tra i 15 e i 19 anni non studia e non lavora, ma al sud i dati esplodono: sono oltre il 30% i ragazzi invisibili. Dalle estorsioni allo spaccio di droga, i minori a rischio sono preda dei clan a Bari. Il racconto testimoniale dell’aggressione mafiosa subita da Maria Grazia Mazzola mentre poneva domande al  clan Caldarola-Laera sui loro figli. Cosa c’è dietro i raid del branco di adolescenti che hanno insanguinato Napoli? Speciale Tg1 ha intervistato la procuratrice per i minori di Napoli Maria de Luzenberger ed è entrato nel carcere di Nisida, dove sono rinchiusi gli aggressori. Il programma ‘Liberi di Scegliere’ del Tribunale per i minori di Reggio Calabria oggi è diventato protocollo nazionale: parlano i figli dei boss che lasciano le ‘famiglie’ per essere affidati a famiglie di volontari del nord formate da ‘Libera’. Il popolo di volontari, maestri e preti di strada che vanno a cercare i giovanissimi in difficoltà. Da don Luigi Ciotti a don Claudio Burgio della comunità Kairos di Vimodrone, da Cesare Moreno presidente dell’associazione ‘Maestri di strada’ di Napoli a don Gino Rigoldi, cappellano dell’Istituto di pena minorile Beccaria, a don Armando Zappolini presidente del Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza con 16.000 operatori e 7000 volontari, a don Francesco Preite del ‘Redentore’ dei salesiani di Bari.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...