Addio allo sceneggiatore, autore e regista Mattia Torre. L’omaggio delle reti Rai

Mattia Torre, sceneggiatore, autore e regista, è scomparso dopo una lunga malattia a soli 47 anni. Spirito ironico, scrittura potente, era molto amato dal pubblico che si riconosceva nei personaggi da lui tratteggiati. Era diventato famoso per aver creato, assieme a Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico, la serie tv “Boris”, dove portava in scena una fittizia fiction televisiva. Aveva collaborato, tra l’altro, con Serena Dandini per i programmi “Parla con me” e “The show must go off”.  L’ultima serie Tv da lui scritta e diretta, “La linea verticale”, prodotta da Rai Fiction e Wild side è andata in onda su Rai 3 a inizio 2018 e su RaiPlay. “La linea verticale” era l’autobiografia di Matteo Torre stesso, e raccontava la vita di un paziente oncologico dell’ospedale romano Regina Elena.

In ricordo di Mattia Torre la Rai ha deciso di cambiare parte dei suoi palinsesti e di proporre una programmazione dedicata. Stasera, venerdì 19 luglio, su Rai2 alle 23,40, andrà in onda il film “Boris, il film”, firmato in regia dallo stesso Torre, con Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo. Il film racconta le avventure di Renè Ferretti, regista mediocre di squallide fiction televisive, alle prese con l’occasione della sua vita: dirigere un film per il grande schermo. Sempre stasera, Rai Movie, alle 21,10, trasmetterà “Ogni maledetto Natale”, altra opera di Mattia Torre, Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo. E’ la storia di Massimo e Giulia, che hanno vite molte diverse, ma quando si incontrano scatta il colpo di fulmine. Ma il Natale si avvicina minaccioso, e la decisione di trascorrere le feste con le rispettive famiglie si rivelerà un’insospettabile catastrofe dai risvolti tragicomici. Potrà il loro amore sopravvivere al Natale?

Sabato 20 luglio, invece, Rai3 riproporrà tra le 15,00 e le 18,00, 8 puntate della fiction ”La linea verticale”, da lui diretta e interpretata da Valerio Mastandrea. Nel film, Luigi deve sottoporsi ad un delicato intervento chirurgico dopo aver scoperto di avere un tumore. Attraverso il racconto surreale e satirico della sua esperienza di degenza il pubblico entra, così, nel quotidiano del reparto di urologia oncologica di un ospedale italiano. La serie completa de “La linea verticale”, infine, sarà disponibile su RaiPlay.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...