Dal 17 al 19 novembre si svolgerà la sesta edizione di Linecheck Music Meeting and Festival, la principale music conference italiana dedicata ad addetti ai lavori e music lovers

Dal 17 al 19 novembre si svolgerà la sesta edizione di Linecheck Music Meeting and Festival, la principale music conference italiana dedicata ad addetti ai lavori e music lovers, che anche in una versione fortemente digitalizzata metterà per tre giorni al centro dell’attenzione internazionale il mercato e la filiera musicale italiana ed europea con panel, masterclass e showcase in diretta streaming su linecheck.it.

Il titolo di questa edizione è Sound Values, scelto per mettere al centro del dibattito il valore della musica dal punto di vista artistico, economico, sociale, di industria e di filiera nonché il ruolo della musica italiana nello scenario attuale a livello internazionale.

La musica è al tempo stesso, come nella definizione del Manifesto della Musica Responsabile lanciato a Verona il 3 settembre scorso da Music Innovation Hub, un bene comune ed un prodotto commerciale, funzionale allo sviluppo culturale, alla coesione sociale ed opportunamente protetto e valorizzato anche da una vera e propria industria sostenibile. È quindi tempo di sottolinearne in maniera chiara l’importanza, soprattutto per quella Nuova Europa che si vuole costruire per ripartire dopo la crisi pandemica.

Il tema portante di quest’anno – Sound Values – riecheggerà in tutti i meeting, toccando le corde di argomenti come il copyright & publishing, la diversità e inclusione, l’innovazione, la questione import/export, il turismo musicale, il mondo delle etichette e distribuzione, passando dal rapporto tra promoter e agenti, tra sync e brand, le nuove tecnologie fino ad  esplorare il gap valoriale che si è creato tra l’artista e il consumatore, dando luogo ad una distorsione della percezione da parte dell’utente. Un contenuto deve avere un prezzo, avendo alle spalle talenti, professionalità e investimenti.

Intendendo la musica come mezzo di comunicazione internazionale, l’edizione del 2020 di Linecheck avrà come paese ospite il Regno Unito, essendo l’evento artistico che chiuderà la stagione “UK/IT Season 2020 ‘Being Present’” del British Council. Oltre ad essere presenti nella line-up un cast britannico multiculturale e una delegazione virtuale dal Regno Unito, la quale parteciperà anche a dei panel, ci saranno anche altre nazioni: tra le prime confermate la delegazione canadese, paese ospite dell’edizione precedente Linecheck 2019.

Il Festival di Linecheck sarà animato da una line-up ricercata, che vedrà in alternanza nuovi scenari musicali e volti affermati, come: Birthh, Cecilia, Camilla Sparksss, Fuera, Fivequestionmarks, Godblesscomputers, Kharfi, Ko Shin Moon, Los Bitchos, Marta DG, Mòn, M¥SS KETA, Neue Grafik Ensemble, Penelope Isles, QuinzeQuinze e Speranza.

Il quartier generale del Festival come di consueto sarà il BASE MILANO: polo culturale in cui si innescano riflessioni sulla musica nel contesto più ampio delle imprese culturali e creative e si sperimentano nuove forme di innovazione sociale. Qui si radunano ormai da quattro anni centinaia di professionisti del settore musicale, di provenienza nazionale e internazionale. Se nel 2019 il Festival aveva cominciato un percorso espansivo sul territorio, sviluppando il programma serale lungo varie venues del distretto Navigli – la dimensione virtuale consentirà di pensare ancora più in grande, coinvolgendo città italiane ed europee, disegnando così un format totalmente nuovo e destinato a durare nel tempo.

Oltre a Milano, infatti, Linecheck approda anche a Roma, Londra e Parigi, con show in diretta streaming rispettivamente dal Monk, Moth Club e dal Badaboum, con in arrivo ulteriori sorprese da altre città europee.

Si sperimenta così una nuova modalità di fruizione e di produzione, dove il contenuto è prossimo al fruitore, riducendo l’impatto di costose trasferte internazionali e nazionali ed in qualche modo ridefinendo il ruolo delle città metropolitane non più in competizione tra loro ma interconnesse e focalizzate sullo stesso scopo: valorizzare le produzioni musicali estendendo il mercato ed abbattendo i confini nazionali.

Tutti i contenuti verranno trasmessi in streaming a pagamento, su live.linecheck.it, una piattaforma digitale sviluppata in 9 diverse rooms (3 meeting, 3 festival, 1 networking e 2 academy), ciascuna delle quali disporrà di un player per le dirette streaming e di chat per l’interazione tra delegates e le domande agli speaker.

I delegates di Linecheck potranno scegliere tra diverse tipologie di biglietto: l’abbonamento online, che include tutti i contenuti (FULL PASS Meeting + Festival) prevede un prezzo di 40€, per il biglietto daily (Meeting + Festival) il prezzo è 15€ mentre per usufruire solo dei contenuti serali del Festival il prezzo è di 6,90€.

L’assoluta necessità di tutelare la proprietà intellettuale anche di fronte allo sviluppo tecnologico che impone nuove regole e scenari nonché i diritti dei lavoratori della filiera sono alcuni temi su cui Linecheck 2020 vuole porre l’attenzione, anche per cogliere le opportunità offerte dal più ampio mercato delle industrie creative e culturali.

credit foto Chiara Conti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...