Recensione di “Padroni di niente”, il nuovo disco di Fiorella Mannoia

“Padroni di niente” (Sony Music) è il nuovo album di inediti di Fiorella Mannoia, nato durante il lockdown, che fotografa in maniera nitida e realistica il periodo storico che stiamo vivendo, caratterizzato da pensieri, paure e speranze.

Un viaggio in musica lungo otto tracce che parte dalla titletrack in cui l’artista ci ricorda che in questo mondo non siamo padroni di nulla e che bisogna concentrarsi maggiormente sul valore della vita e sulle piccole cose, perchè come abbiamo visto con l’avvento della pandemia, tutto può cambiare in poco tempo e stravolgere le nostre esistenze.

La seconda traccia è “Chissà da dove arriva una canzone”, che porta la firma di Ultimo, in un prezioso incontro tra generazioni diverse ma unite dalla passione per la musica e dalla profondità dei sentimenti (E chissà se poi la vita scorre / O siamo noi a darle un senso a volte / Io non trovo qui una spiegazione / Ma forse è proprio dai tuoi occhi / Che arriva una canzone).

“Si è rotto” racconta invece di come, rispetto al passato, oggi si siano persi di vista i veri valori (Si è rotto il vetro, il cuore, l’emozione / Si è rotto il filo, la chiave nel portone / Le sere accese al mare a bere le parole / A spegnere fatica, la fame e la ragione), mentre “La gente parla”, scritta da Amara e Simone Cristicchi, è un’invettiva contro i leoni da tastiera che sui social e su internet giudicano, insultano, sparano cattiverie gratuite senza rendersi conto che le parole possono ferire le persone nel profondo (Frasi piene di contraddizioni /Frasi per tutte le occasioni /Frasi leggere che non pesano niente /Le frasi che offendono gratuitamente /Dette per noia o per disperazione / Giusto per attirare l’attenzione / Le frasi dette per circostanza / Quelle che inducono alla violenza).

Non mancano poi i sentimenti, come quello amorevole e premuroso tra madre e figlia nell’intensa “Sogna”, ideale proseguimento di “In viaggio”, con un invito a non smettere mai di sognare (E ricordati che il tempo non aspetta / Assapora ogni momento, perché non ritornerà /Dietro ad ogni gesto c’è il percorso / Di una strada che nel viaggio / Scopre la felicità / E sogna amore mio / Tu sogna al posto mio / Vivi il tempo tuo / Inseguendo un principio, un valore, inseguendo l’amore / Che guarisca le paure).

“Olà” è invece un invito a rialzarsi dopo ogni caduta perchè tutto quello che ci ha fatto male può esserci d’insegnamento, mentre “Eccomi qui” ci ricorda che l’amore è il motore che muove il mondo (È un giorno che vince sopra a ogni cosa / Per chi trova il coraggio di chiedere scusa / Ed amare perché è il solo senso che c’è… se ci pensi).

Il disco si chiude con la struggente “Solo una figlia” con Olivia XX, portando avanti la formula della “canzone sospesa”, in cui l’artista condivide uno spazio nel proprio progetto con un cantante emergente. Un brano che affronta la storia di due ragazze, Martina e Nadira, provenienti da due Paesi e da due culture diverse, ma accomunate dalla sofferenza, la prima a causa della violenza del padre, la seconda in quanto sposa bambina.

“Padroni di niente” conferma ancora una volta il grande spessore artistico di Fiorella Mannoia, il suo saper raccontare in modo poetico ma veritiero i sentimenti e la quotidianità, pesando ogni parola che scrive o che canta, il suo metterci la faccia e il cuore, affrontando tematiche sociali e facendoci riflettere. Un disco attuale, essenziale ma interamente suonato, che in questo periodo difficile scuote le coscienze ma al contempo accarezza l’anima di chi lo ascolta.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...