Recensione di “La vita davanti a sé (The Life Ahead)”, il nuovo film di Edoardo Ponti con Sophia Loren

“La vita davanti a sé (The Life Ahead)”, il nuovo film di Edoardo Ponti, basato sul romanzo “La vie devant soi” di Romain Gary pubblicato in Italia da Neri Pozza, disponibile su Netflix dal 13 novembre, segna il grande ritorno al cinema dopo dieci anni di Sophia Loren.

Ambientato a Bari, “La vita davanti a sé (The Life Ahead)” racconta la storia di Madame Rosa (Sophia Loren), un’anziana ebrea ed ex prostituta, ruvida ma al tempo stesso fragile, che per sopravvivere negli ultimi anni della sua vita ospita nel suo piccolo appartamento una sorta di asilo per bambini in difficoltà. Riluttante, accetta di prendersi carico di un turbolento dodicenne di strada di origini senegalesi, Momo (Ibrahima Gueye) che cerca nell’illegalità e nello spaccio un rifugio dalla solitudine che lo assale e dalla mancanza di una famiglia. All’inizio il loro rapporto è molto conflittuale, ma presto si trasformerà in un’inaspettata e profonda amicizia. Nel cast troviamo anche Renato Carpentieri, Iosif Diego Pirvu, Massimiliano Rossi, Abril Zamora, Babak Karimi.

Sullo scenario colorato e vitale di Bari, Edoardo Ponti costruisce un film incentrato sulle relazioni umane, che racconta come a volte un incontro possa cambiare in meglio la vita delle persone, ma offre anche uno spaccato veritiero e poetico di un’umanità disillusa che pur stando ai margini della società riesce a tendere la mano a chi ha bisogno, abbattendo i pregiudizi, condividendo la sofferenza e ricordandoci che la diversità è un valore aggiunto, non qualcosa da cui fuggire o da considerare con accezione negativa.

Semplicemente intensa, sentita e magistrale l’interpretazione dell’immensa Sophia Loren, che si è messa completamente al servizio del film destinato alla piattaforma digitale, regalando una Madame Rosa che arriva al cuore tramite i suoi sguardi, i silenzi, il magnetismo espressivo con cui si muove e quell’inconfondibile accento napoletano che la contraddistingue. Da sottolineare anche la bravura del giovane talento Ibrahima Gueye, all’esordio sul grande schermo e capace di rendere al meglio i sentimenti di ribellione e di solitudine di un ragazzo che vorrebbe solo essere amato e che sogna di essere coccolato da una leonessa, metafora di quella madre che ha perso e che trova in Madame Rosa una figura materna di riferimento, instaurando un rapporto conflittuale ma profondo, che lo porta a scegliere di lasciare la strada dell’illegalità per iniziare una nuova vita.

Forse si sarebbero potuti sviscerare e approfondire maggiormente alcuni aspetti come il passato della protagonista, sopravvissuta ad Auschwitz, o il tema del rapporto genitori-figli relativo alla storia della trans Lola (Abril Zamora) e della non accettazione da parte di suo padre.

Nel complesso “La vita davanti a sé” regala momenti di commozione e tenerezza come quando le mani di Madame Rosa e Momo si stringono a suggellare un legame sempre più indissolubile, o quando i due protagonisti guardano insieme l’alba dopo la fuga dall’ospedale o nella scena in cui Sophia Loren si trova in terrazza seduta tra le lenzuola stese, che rimanda a “Una giornata particolare” di Ettore Scola.

Un film, con un ottimo cast e una splendida colonna sonora, in cui spicca il brano “Io Sì/Seen” cantato da Laura Pausini, che vale la pena di essere visto e che trasmette un insegnamento importante: provare ad apprezzare le piccole cose e gli istanti di felicità, senza farsi troppe aspettative per il futuro ma godendosi il presente. Perché come dice Madame Rosa: “È proprio quando non ci credi più che succedono le cose belle”.

di Francesca Monti

credit foto Greta De Lazzaris

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...