Giovedì 7 gennaio in prima serata su Rai 1 prende il via l’attesissima sesta stagione di “Che Dio ci aiuti”. Elena Sofia Ricci: “Tra tutti i personaggi che ho interpretato finora Suor Angela è quello che cambia maggiormente e non riesco a liberarmi di lei”. Le dichiarazioni del cast

Giovedì 7 gennaio in prima serata su Rai 1 prende il via l’attesissima sesta stagione di “Che Dio ci aiuti”, con Elena Sofia Ricci, Valeria Fabrizi, Francesca Chillemi, Diana Del Bufalo, Gianmarco Saurino, Simonetta Columbu, Erasmo Genzini, Pierpaolo Spollon e la regia di Francesco Vicario, prodotta da Matilde e Luca Bernabei per Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction.

Il Convento degli Angeli prepara le valigie e trasloca ad Assisi, la città in cui suor Angela è cresciuta, dove ha trovato la vocazione e dove vive ancora oggi suo padre, Primo, con cui non ha più rapporti da anni.

Questa volta suor Angela deve compiere una missione particolarmente difficile perché riguarda se stessa e il suo passato. Deve fare i conti con un segreto, una ferita nascosta nella sua anima, ma ancora aperta. Di certo è in buona compagnia.

C’è suor Costanza, che dovrebbe farsi da parte per lasciare spazio alla nuova Madre Superiora del convento, ma che fa di tutto per dimostrarsi ancora utile. Come cercare la nuova barista dell’Angolo Divino e assumere Carolina, una ragazza misteriosa e cinica, che le dà filo da torcere.

C’è Azzurra, che ha appeso al chiodo le sue scarpe Chanel per portare al collo il Crocefisso. Azzurra è una novizia, ha abbracciato la vocazione, ma le prove per lei non sono ancora finite: al convento arriva Penelope, una bambina che ha perso entrambi i genitori in un incidente e da allora non ha più parlato. Una bambina con un cuore prezioso, in particolare per Azzurra.

Ci sono poi Nico e Ginevra, che stanno per sposarsi. Il loro amore è dolce e costante, un balsamo per entrambi. Ma Ginevra è inesperta, ha un cuore acerbo e tanta paura di non essere all’altezza di Nico, anche se finge tranquillità, soprattutto di fronte a Monica Giulietti, la ex di Nico. Sì, quest’anno ci sarà anche il ritorno di Monica in una versione inedita. Quando si perde tutto può succedere di crollare e di doversi ricostruire da zero. Monica ha perso tutto e cerca di ripartire seguendo un ritrovato istinto materno e contando sull’amicizia del suo primo grande amore, Nico. L’arrivo di Erasmo sembra la sfida che Ginevra aspettava, sarà lui l’occasione per mettersi alla prova. Il giovane sconvolge l’esistenza di suor Angela (e non solo). Un ragazzo di strada, impulsivo e attaccabrighe, ma con il cuore di un bambino che ha sofferto. Un cuore che suor Angela ancora non sa essere vicino al suo. Tanto vicino, forse troppo.

5F1A0793©LUCIAIUORIO_RICCI_DIBERTI

credit foto Lucia Iuorio

Elena Sofia Ricci torna a vestire i panni di Suor Angela che in questa sesta stagione avrà a che fare con suo padre e con il suo passato: “Il convento di Che Dio ci aiuti che sia a Modena, a Fabriano o ad Assisi è un po’ come una casa che accoglie gli spettatori ogni anno con la stessa allegria, follia e con le dinamiche tipiche della serie ma anche con tante novità. Nella sesta stagione Suor Angela deve fare i conti con il suo passato tornando nei luoghi che la rimettono a contatto con la sua storia famigliare e arriveranno anche nuovi personaggi che manderanno all’aria delle storie che sembravano indirizzate verso degli approdi. E’ stato un anno difficile. Siamo consapevoli di essere fortunati per aver potuto lavorare anche se in una situazione complessa e stiamo continuando a girare perché non abbiamo ancora terminato le riprese, come già accaduto in passato, anche se quest’anno con la pandemia è stato tutto diverso. Ringrazio la Lux a nome di tutti perchè ci ha tenuti al sicuro e sul set siamo riusciti a contenere la situazione, sottoponendoci a tre tamponi ogni settimana. Qualcuno è stato anche colpito dal covid, ciò nonostante siamo andati avanti supportati da una troupe fantastica e da colleghi meravigliosi a cominciare da Valeria Fabrizi, che per me è un po’ come una mamma, che riesce sempre a farci ridere e a tirarci su il morale, è una grande maestra di vita. Grazie anche a tutti i ragazzi, da Francesca a Diana, Pierpaolo, Erasmo, Simonetta e Gianmarco, che mi commuovono ogni volta e mi toccano il cuore. C’è qualcosa di molto profondo che ci lega, di magico e misterioso. E’ grazie al lavoro di tutti i colleghi, alla loro freschezza, alla loro generosità e capacità di mettersi in gioco senza essere snob, e all’ottima regia, se questa serie è così forte e posso lavorare con tanti registri diversi, dalla commedia fino al dramma spirituale”.

Una serie che è amatissima dal pubblico: “Sono molti gli ingredienti, mischiati a una travolgente comicità e a questo modo di affrontare la vita con ottimismo e speranza, che determinano il successo di Che Dio ci aiuti. Innanzitutto mostriamo le meraviglie dell’Italia, prima Modena, poi Camerino, ora la bellissima Assisi, poi raccontiamo il bisogno di spiritualità, poniamo quelle grandi domande mistiche sull’esistenza che tutti ci facciamo, infine c’è l’umanità, con personaggi così terreni e imperfetti e con le nostre suore meravigliosamente fallibili che si pongono di fronte a Dio con così tanta energia e speranza vivendo anche momenti di crisi in cui si domandano dove sia il Signore. Ci sentiamo tutti un po’ a casa”, ha detto Elena Sofia Ricci che ha poi parlato degli aspetti di Suor Angela che più la affascinano: “In lei c’è la mia follia, la veste mi aiuta a combinarne di tutti i colori, sia in senso comico che spirituale e sono molto grata a chi mi ha voluta per questo personaggio che mi offre la possibilità di spaziare tra sfumature differenti. Tra tutti quelli che ho interpretato finora è forse quello che cambia maggiormente e non riesco a liberarmi di lei. Io in genere alla terza stagione mollo, solo una volta ho girato la quarta (I Cesaroni) perchè avevo fatto una promessa ad una persona cara. Con “Che Dio ci aiuti” è diverso, amo girare questa serie e chissà che non ci sia anche una settima stagione”.

Infine l’attrice ha parlato di quello che vorrebbe per il 2021: “Tra i ruoli che mi piacerebbe interpretare in futuro c’è la principessa de “La dolce ala della giovinezza” di Tennessee Williams. Per il 2021 mi auguro che ci possa essere una ripartenza per tutti. In un momento in cui siamo privati delle libertà dobbiamo tornare ad essere liberi e questo è possibile solo con il vaccino. Sta alla responsabilità di ognuno farlo e anche alla conoscenza perchè c’è tanta ignoranza in giro. L’informazione è un dovere nostro e della classe dirigente fatta dai politici e dai giornalisti, bisogna rassicurare tutti e invitare a fare questo benedetto vaccino”.

_MG_9989©LUCIAIUORIO_FABRIZI

credit foto Lucia Iuorio

Valeria Fabrizi veste i panni della simpatica e saggia Suor Costanza: “Per lei non ci sono novità particolari, è lì che aspetta di sapere qualcosa e vorrebbe avere qualche volta quel rapporto con i giovani che ha Suor Angela, invece non sa mai niente (sorride). Adoro tutto il cast. Sono felice e ringrazio Dio di alzarmi ogni giorno alle 5,30 per andare sul set e trovare i miei amici e abbracciarli con le ali del pensiero. Io sottolineo tutte le mie battute in giallo sul copione ma non so la storia e quindi quando va in onda la puntata mi godo quello che accade. In futuro vorrei fare la commedia musicale Angeli con la pistola e mi piacerebbe che in un’eventuale settima stagione di Che Dio ci aiuti si parlasse anche del passato di Suor Costanza di cui non si sa niente”.

Lo sceneggiatore Umberto Gnoli ha invece svelato qualche anticipazione su quello che vedremo nel corso delle dieci puntate: “Racconteremo molto del passato di Suor Angela, della sua famiglia, di suo padre e la metteremo in crisi anche questa volta. Abbiamo nuovi personaggi come Erasmo che scopriremo far parte di questo passato. Suor Angela dovrà fare la scelta giusta. Azzurra ha avuto invece un’evoluzione in questa sesta stagione, da ragazza superficiale e dal cuore grande, attraverso il dolore e la sofferenza, è diventata una donna che ha scoperto Dio e una nuova profondità. La ritroveremo infatti con altri abiti ma con la stessa follia. Suor Costanza aiuterà invece Carolina nel suo percorso di crescita”.

_MG_0260©LUCIAIUORIO_CHILLEMI

credit foto Lucia Iuorio

Francesca Chillemi interpreta Azzurra che nella sesta stagione inizierà il percorso spirituale per diventare suora: “Indossa i panni di novizia, abbandona il suo lato più frivolo ma rimane sempre la ragazza ironica, simpatica e anche un po’ “ignorante”. E’ un personaggio fedele alle origini. Io credo in un’entità, in qualcosa che ci sia al di fuori di noi, non è una spiritualità che ho conosciuto con la serie ma è una fede che ho sempre avuto fin da piccola. Siamo fortunati perchè stiamo lavorando, seppur viviamo costantemente con l’ansia di poter essere un tramite di trasmissione del virus. Il momento è complicato, bisogna farsi forza e andare avanti”.

_MG_0232©LUCIAIUORIO_DELBUFALO

credit foto Lucia Iuorio

Diana Del Bufalo è tornata sul set della serie, dopo una stagione di pausa, nei panni di Monica: “Sono molto contenta di essere tornata in questa bellissima serie. Monica creerà scompiglio tra Nico e Ginevra. Si può rimanere amici del proprio ex ma in questo lei non è tanto brava anche se ci prova con l’aiuto di Suor Angela che spia le conversazioni dietro la colonna. A differenza di Monica io sono sempre ottimista, cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno anche in questo periodo così difficile. Forse a volte bisogna attraversare il dolore come dice saggiamente Suor Costanza per poter apprezzare le cose. E Monica accoglie questa crisi”.

5F1A1598©LUCIAIUORIO_SAURINO

credit foto Lucia Iuorio

Gianmarco Saurino interpreta Nico che sta per sposarsi con Ginevra: “Con il ritorno di Monica si creerà un triangolo amoroso e di amicizia. Dopo aver recitato in Doc – Nelle tue mani ho ritrovato la leggerezza con Nico in “Che Dio ci aiuti”, un personaggio che mi diverte fare e che è cambiato molto dall’inizio diventando più responsabile. Le scene sono scritte dagli autori ma vivono di vita propria quando le giriamo. Tra gli aneddoti divertenti accaduti sul set ce n’è uno in particolare che vi voglio raccontare:  un giorno abbiamo realizzato delle riprese in campagna con le galline che ci saltavano addosso e volevamo entrare a tutti i costi nelle inquadrature ma siamo andati comunque avanti e siamo riusciti a portare a casa le scene”.

_MG_9947©LUCIAIUORIO_COLUMBU

credit foto Lucia Iuorio

Simonetta Columbu veste i panni di Ginevra che dopo aver capito di non voler diventare suora sta per convolare a nozze con Nico: “In questa sesta stagione il mio personaggio sarà diverso. I suoi valori, la sua bontà, la sua ingenuità restano invariate ma Ginevra sarà più sicura di se stessa e per fare questo metterà in dubbio tante cose. Accogliere la novità è la premessa fondamentale per riflettere, guardarci dentro e anche fuori. Ho letto il copione prima della lettura di gruppo in videochat e sono scoppiata a piangere perché mi ha emozionato tanto”.

5F1A8129©LUCIAIUORIO

credit foto Lucia Iuorio

Pierpaolo Spollon è una delle new entry della serie: “Il gruppo mi ha accolto bene, Elena Sofia Ricci è stata gentilissima e in diverse scene mi ha aiutato a capire le dinamiche. Confesso che ho un debole per Valeria Fabrizi e ho scoperto una donna meravigliosa che mantiene un lato, a me molto simile, della simpaticona con eleganza. C’era un clima molto sereno e divertente sul set e questo immagino possa aiutare anche la sceneggiatura con gag improvvisate che inseriamo con la supervisione della regia. Il mio personaggio è uno psichiatra dell’infanzia che si troverà in un triangolo amoroso e sarà spalleggiato da Suor Angela e Suor Costanza”.

_MG_0183©LUCIAIUORIO_GENZINI

credit foto Lucia Iuorio

Erasmo Genzini è anche lui al debutto in “Che Dio ci aiuti”: “Mi sono trovato anch’io molto bene con questo gruppo che all’inizio ho conosciuto tramite videochiamate. E’ una squadra super e spero che quello che abbiamo messo sul campo di battaglia arrivi forte e chiaro agli spettatori che ci guarderanno. Interpreto un ragazzo di 27 anni che si chiama Erasmo Ferri che si ritrova nel Convento degli Angeli alla ricerca di risposte sulla madre che lo ha abbandonato appena nato, è cresciuto in un orfanotrofio e ha passato il resto della vita in strada. Ha un carattere chiuso, fa fatica ad approcciarsi con le persone, è tenebroso, non va molto d’accordo con tutti ma con l’aiuto dei personaggi del Convento riesce a creare dinamiche utili che lo aiutano a trovare le risposte che cerca da tempo. Il momento più difficile per me è stato quando per due mesi non sono potuto tornare a Napoli e vedere i miei genitori, mia sorella e i miei nipoti perchè erano positivi al covid e questo mi ha portato un po’ fuori strada”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

credit foto Lucia Iuorio/Anastasia Angelini

Scopriamo i nuovi personaggi della serie:

Erasmo

Erasmo ha ventotto anni, molti tatuaggi e la faccia tenera e sfrontata di chi non ha niente da perdere perché niente ha mai avuto, nemmeno l’amore di una famiglia.

Erasmo è stato abbandonato in orfanotrofio appena nato ed è cresciuto da solo tra case-famiglia, genitori affidatari e periodi in riformatorio. La sua maestra di vita è stata la strada, dove ha imparato ad arrangiarsi e a sopravvivere. Adesso si accinge a fare “il grande salto”, un crimine che segnerebbe definitivamente la sua fedina penale e la sua coscienza. Erasmo torna ad Assisi per cercare sua madre: l’unica che, forse, potrebbe fermarlo. Si ritrova, così, al Convento delle Grazie seguendo l’unico indizio che ha su di lei: una medaglietta del convento. Suor Angela non può aiutarlo ma si offre di ospitarlo in convento, incoraggiandolo ad accettare prima con le buone e poi con l’inganno. Perché, si sa, lei con i ragazzi scombinati non riesce a trattenersi, ma anche perché suor Angela sente di avere un legame con Erasmo. È qualcosa che non sa spiegarsi: ricordi frammentari, una sensazione, che la spingono a voler scoprire di più sul ragazzo e sul suo passato. Erasmo in convento è un pesce fuor d’acqua, ma forse con il tempo le sue barriere crolleranno e scoprirà di aver trovato una famiglia.

Emiliano Stiffi

Emiliano Stiffi è un giovane psichiatra sulla trentina. Volto pulito, tanto quanto lo sono i suoi vestiti. È sempre preciso e in ordine, nulla del suo aspetto è mai fuori posto. Emiliano si occupa della casa-famiglia insieme ad Azzurra, ma aiuta anche suor Angela con il vuoto di memoria e Monica con il crollo psicologico con cui è alle prese. Proprio con Monica Emiliano sviluppa un rapporto particolare. Emiliano è una sorta di vecchia versione di Monica al maschile: preciso, controllato, maniacale. Uno che calcola i pro e i contro di qualsiasi cosa, che fa yoga tutte le mattine e mangia solo cibo bio. Tra lui e Monica potrebbe esserci davvero molta sintonia.

Carolina

Carolina ha 20 anni, anche se sente di averne molti di più. Sa sempre quello che vuole e come fare per ottenerlo: la vita l’ha costretta ad imparare presto a cavarsela da sola. Carolina ha spesso un enigmatico sorriso sulle labbra: difficile capire se è sincero o di circostanza. Carismatica e opportunista, Carolina nasconde un grande segreto. Dietro quei modi scontrosi c’è una ragazza fragile, che non si fida di nessuno e ha paura di essere ferita. Ma, si sa, nessuno può farcela da solo.

Penelope

Penny ha otto anni e sentiremo la sua voce solo quando parla con l’Angelo Custode. Per il resto è muta. Muta, con grandi occhi che ti guardano, sorrisi che pian piano le riaffiorano sul viso. Muta, con un lungo percorso da fare prima di tornare ad essere la bambina felice ed allegra che era. Prima di tornare a parlare e dire: ti voglio bene. Ha smesso di farlo il giorno in cui i suoi genitori sono morti in un incidente d’auto. Lei si è svegliata in ospedale ed era sola. È Azzurra a far arrivare Penny nella casa-famiglia vicino al convento, nell’attesa che per lei si trovi una nuova famiglia. Per Suor Angela all’inizio non c’è niente di strano ma presto scoprirà che per Azzurra la bambina ha qualcosa di speciale.

di Francesca Monti

credit foto Lucia Iuorio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...