L’amatissima serie “Rocco Schiavone” con protagonista Marco Giallini torna su Rai 2 con due nuove serate mercoledì 17 e mercoledì 24 marzo

L’amatissima serie “Rocco Schiavone” con protagonista Marco Giallini torna su Rai 2 con due nuove serate mercoledì 17 e mercoledì 24 marzo (la prima puntata sarà visibile in anteprima su RaiPlay da lunedì 15 marzo).

Il burbero e trasteverino vicequestore, sradicato dall’amata Capitale e trasferito, ormai da tempo, ad Aosta per motivi disciplinari, non si è mai davvero ambientato nella città d’adozione. Continua a mal sopportarne il rigido clima e la neve che si ostina ad affrontare con i suoi immancabili loden e Clarks, sempre tormentato, ma anche emotivamente redento, dal ricordo dell’amata moglie Marina che immagina e rimpiange ogni giorno dalla sua tragica scomparsa. E poi quelle amicizie discutibili, quei vizi non propriamente legali e ortodossi, come i suoi metodi di indagine e il suo linguaggio a dir poco sfrontato, senza limite di turpiloquio e d’intercalare colorito. Insomma Rocco non è cambiato e lo ritroveremo, in questa quarta stagione, sempre alle prese con i suoi demoni interiori e con la medesima caparbietà da poliziotto rude e implacabile. Insieme ai suoi uomini sarà impegnato a far luce su due casi particolarmente complessi. Il primo condurrà il vicequestore nelle pieghe buie del gioco d’azzardo e il secondo a far luce non solo su un caso frettolosamente etichettato come malasanità, ma anche e soprattutto su una parte di sé che ha per troppo tempo tenuto nascosta e protetta da tutti: quella dei sentimenti.

Rocco Schiavone, trasposizione televisiva del celebre protagonista delle opere letterarie di Antonio Manzini (Sellerio Editore), è una coproduzione Rai Fiction, Cross Productions e Beta Film, per la regia di Simone Spada.

LA SINOSSI DELLE DUE PUNTATE

Rien ne va plus

Subito prima che la Polizia inizi gli scavi per riportare alla luce il cadavere di Luigi Baiocchi, Rocco Schiavone abbandona l’Italia. Sembra l’inizio di un lungo e solitario esilio per il vicequestore, ma inaspettatamente arrivano a fargli visita Brizio e Furio con importanti novità: non è stato trovato niente, la soffiata di Enzo Baiocchi è quindi nulla.

Ma chi ha spostato il cadavere? E dove è finito Sebastiano di cui non si hanno più tracce? Rocco, pieno di interrogativi e dubbi, fa ritorno ad Aosta, pronto a risolvere il caso dell’omicidio del ragioniere Favre, che era stato costretto a lasciare insoluto.

Intanto il passato continua a bussare alla sua porta: Caterina, l’agente speciale che ne aveva tradito la fiducia spiandolo per conto degli Interni, si presenta improvvisamente ad Aosta con una notizia sconvolgente.

Nel frattempo in Questura giunge la notizia della sparizione di un portavalori, con a bordo due guardie giurate e tre milioni del Casinò di Saint Vincent. Rocco capisce che la morte di Favre e il furto non sono slegati, non può essere un caso che entrambi abbiano a che fare con le attività del Casinò.

Rocco e la sua squadra si preparano al peggio: questa volta, la banda da sgominare è pronta a tutto pur di difendere i suoi loschi affari, anche a mettere mano alle armi. “I morti non scappano, a volte parlano pure.”

Ah l’amore, l’amore

Rocco è in ospedale perché ha subito un’operazione molto seria, ma il lavoro, suo fedele compagno, lo segue anche lì. Nello stesso periodo infatti,  perde la vita Roberto Sirchia,   un noto industriale della zona, in seguito a un errore trasfusionale. Rocco, nonostante sia convalescente, continua a sentire ‘gli odori’ e capisce che questa morte non è solo un errore di malasanità. Così, mosso dalla stima e dalla riconoscenza nei confronti del primario Negri che lo ha operato e salvato, comincia a indagare.

Inizia così una indagine notturna e segreta in pigiama e loden tra i corridoi dell’ospedale.

È proprio qui che Rocco entra in contatto con un’umanità silenziosa, sofferente e abbandonata in cui non fatica a riconoscersi. Marina, che nonostante tutto non lo abbandona mai, lo incita a tornare a vivere, a riscoprire la felicità e l’amore. Quegli stessi sentimenti che hanno fatto irruzione nella vita di Ugo Casella che ha perso la testa per la sua vicina Eugenia, o nella vita di Antonio, che non è più in grado di gestire le sue tre amanti, o ancora di Fumagalli e della Gambino che ormai non nascondono più la loro attrazione.

È la fine dell’anno, Rocco è pronto a festeggiare la notte di San Silvestro con una donna bellissima e affascinante. Sarà forse lei a riaccendere in lui l’amore?

“-È come stare in trincea, solo che il nemico è senza nome e te lo porti dentro. -Io non ricordo di averla mai dichiarata questa  guerra”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...