RaiPlay, a “Ossi di seppia” Romano Prodi ripercorre le tappe che hanno portato alla nascita dell’Euro

Ci ho pensato tante volte: ma cosa sarebbe l’Italia senza l’euro?”. Il 1° gennaio del 2002 è una data storica. Entra in vigore la moneta unica simbolo di una Europa unita e senza frontiere, con una sola valuta da usare per ogni transazione nei dodici paesi che per primi l’hanno adottata.

Romano Prodi, ex Presidente del Consiglio, voce narrante della quattordicesima puntata di Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, dal 4 gennaio su RaiPlay, racconta la realizzazione di un sogno inseguito per più di un secolo, le lunghissime preparazioni e i tentativi falliti, fino a  ricordare finalmente la notte più lunga dell’anno quando grandi festeggiamenti hanno accolto l’arrivo dell’Euro con la gente  in fila agli sportelli bancari per prelevare la nuova banconota.  “L’euro è stato sicuramente l’evento finanziario economico più importante del dopoguerra. Per alcuni è stato anche più di questo, è stato un avvenimento politico, è stato il compimento di un sogno ed è stata la prova tangibile, visibile che l’Europa è unita”.

Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, la prima serie Tv non fiction dell’era post pandemia, prodotta da 42° Parallelo, è una esplorazione emozionale del passato che, in ventisei puntate e altrettanti eventi (che si avvalgono del repertorio tratto dalle Teche Rai e dagli archivi fotografici) ripercorre quei fatti che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, che hanno segnato le nostre vite e che rimarranno appunto… quello che ricordiamo.

credit foto TECNAVIA_PHOTO_GENERALE – Ufficio stampa Raiplay

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...